venerdì 28 febbraio 2014

BLOGTOUR "Rebirth": sesta tappa

Buongiorno lettori!
Oggi ho un bel post speciale per voi. Infatti, il nostro blog ospita la sesta tappa del blogtour dedicato a Rebirth di Matteo Zapparelli!
In questa tappa vi presenterò la playlist della storia, composta da dieci canzoni diverse, ognuna riferita ad una scena ben precisa del romanzo. Ma non è tutto: l'autore ci ha dato anche un assaggio di queste scene, in modo da ricreare al meglio l'atmosfera.
Non è fantastico? Iniziamo subito!


Non può esserci addio per chi non conosce la morte
Thirty Seconds to Mars - Northen Lights
«Sei perfetto. Sono orgoglioso di te.» Petrus era sincero.
«E io non smetterò di portarti nel cuore.» Si voltò per nascondere le lacrime che gli rigavano il viso e si incamminò verso l’uscita del salone nel quale non avrebbe mai più fatto ritorno. Il mondo lo attendeva e assieme a esso la donna che amava, ma nonostante questo qualcosa nel suo cuore si era spezzato per sempre.
«Etienne?» lo chiamò il capo clan.
Il giovane si fermò senza voltarsi.
«Il nostro non è un addio. Non può esserci addio per chi non conosce la morte.»
(Capitolo 7, pag 44)

Lacrime per un fratello
Roxette - Wish I Could Fly
Ming lo fissò a lungo con gli occhi lucidi e un’espressione di profondo dolore sul viso. «Hanno ucciso Vincent.»
Per Etienne quelle parole furono una pugnalata al cuore. Gli mancò il respiro e dovette appoggiarsi allo schienale del divano per non cadere. Gli girava la testa così forte che la stanza parve trasformarsi in un caleidoscopio di forme e colori. Girò attorno al divano e vi si sedette tenendosi la testa tra le mani.
Ming tentò di avvicinarsi all’amico, ma questo lo fermò con un gesto della mano. Il dolore che provava era così forte che se non avesse trovato un modo per farlo uscire e strapparselo di dosso, lo avrebbe travolto. Strinse i pugni più forte che poté e se li premette contro la fronte in un gesto quasi teatrale, poi urlò con tutta la forza che aveva e continuò finché il fiato non gli mancò e le lacrime gli annebbiarono la vista.

(Capitolo 14, pag 88)
Assieme
Muse - Undisclosed Desires
Senza rendersene conto Etienne spezzò la magia che si era creata su quel divano. Si alzò e si avvicinò a un mobiletto di legno e vetro, all’interno del quale era posto un impianto stereo di notevoli dimensioni. Accese l’amplificatore attendendo un paio di secondi perché si scaldasse e premette alcuni tasti sul lettore cd. I Muse riempirono il salone con le note fredde e malinconiche di Undisclosed desires. La voce suadente di Matthew Bellamy echeggiò tra le pareti.
Sara adorava quella canzone e ancora una volta scoprì di condividere qualcosa con Etienne. «Questo pezzo è magnifico» disse.
(Capitolo 12, pag 73)

Amore e orgoglio
Katy Perry - Legendary Lovers


Il viso di Ming si contrasse in una smorfia di dolore. «Non posso perderti, amore. Sei il mio vaso più prezioso, la mia scultura più bella.»
«Sono solo questo? Uno dei tuoi preziosi oggetti?» Selena raccolse la sottoveste che giaceva ai piedi del futon e la indossò.
«No. Le vedi queste opere d’arte bellissime?» domandò lui indicando gli oggetti d’antiquariato che riempivano la stanza. «Tutto questo varrebbe meno della sabbia del deserto, se non ti avessi più al mio fianco.»
Selena si voltò, colpita da quelle parole. Nel profondo del cuore sapeva quanto l’amasse e quanto avesse bisogno di lei. Sapeva che lo stava facendo soffrire, ma non poteva fare diversamente. Era un destino al quale non poteva sottrarsi. Gli passò le mani attorno al collo e  lo baciò.
Ming ricambiò quel bacio e i due rimasero uniti così per molto tempo, fingendo che andasse tutto bene e che la vita fosse una cosa meravigliosa, dove l’amore poteva vincere su tutto e dove la morte non era che una brutta parola senza significato.
(Capitolo 21, pag 150)

Fammi vivere
Rammstein - Weidmannsheil


Premette un po’ sull’acceleratore e ascoltò il rombo del motore. Le auto sportive erano sempre state una delle sue passioni e quando vi si trovava alla guida si sentiva come un ragazzino. Scalpitava per premere il gas a tavoletta e bruciare l’asfalto.
«Quanti cavalli ha?» chiese Sara con sguardo malizioso.
«Più di cinquecento» rispose Etienne con una punta di orgoglio. Accese l’autoradio e le note di Weidmannsheil suonata dai Rammstein invasero l’abitacolo a tutto volume.
Il semaforo stava per diventare verde.
Sara si voltò verso di lui e lo fissò. «Dai gas.»
«Sul serio?»
«Fammi vivere.»
(Capitolo 25, pag 172)

Il mio angelo
Aerosmith - I Don't Wanna Miss a Thing 


Sara cercò di voltarsi, sicura di non poter sfuggire. Notò un movimento alla propria destra e vide Etienne che si precipitava su di lei con una velocità sovrumana. L’afferrò con braccia forti e la trascinò con sé verso la vetrata in fondo al salone. Si sentì sollevare da terra come un fuscello nella tempesta e vide il mondo girarle attorno come una giostra impazzita, mentre Etienne la portava dritta verso il vuoto tenebroso davanti a loro. Gridò comprendendo quello che stava per accadere e si affidò ancora una volta a lui, anche se era sicura che sarebbero morti entrambi.
Lui la protesse con il proprio corpo e con la schiena sfondò la vetrata dell’appartamento balzando oltre il parapetto, dritto nel vuoto. Sara sentì l’artiglio della bestia passarle a pochi centimetri dal piede nell’istante in cui sotto di lei non c’era più alcun pavimento, ma solo un salto di sei piani verso la morte. Chiuse gli occhi e strinse i denti in attesa dell’impatto e del dolore che ne sarebbe seguito.
(Capitolo 32, pag 239)

Rivelazioni
Hurts - Silver Lining
Etienne non poteva sopportare ancora di vederla così, sapendo di essere la causa di tutta quella sofferenza. Lei lo odiava e lui avrebbe preferito morire in quell’istante piuttosto che assistere alla scena che aveva davanti. Ma anche la morte sarebbe stata una facile via d’uscita, il gesto di un vile che aveva paura delle conseguenza delle proprie azioni. Non poteva abbandonare Sara a tutto quel dolore, che l’avrebbe schiacciata facendola impazzire.
«Non sapevo come dirtelo...»
«Vaffanculo!»
«Sara, come facevo a dirtelo?» insistette in preda alla disperazione.
«Sei uno stronzo!»
«Ma come facevo, eh? Me lo dici?» Etienne la prese per le spalle e lei si divincolò. «Me lo dici?»
(Capitolo 34, pag 262)

La rinascita
Skunk Anansie - You saved me
Era un angelo? Chi poteva parlare con la voce di un uomo morto da decenni? Era confuso e quelle domande lo tormentavano. Era forse quella la morte?
«Perché volevi farlo, ragazzo?» ripeté la voce dall’alto.
Etienne si voltò e aprì gli occhi. La pioggia che gli cadeva sul viso gli offuscava la vista, ma l’uomo che stava in piedi sopra di lui non era sicuramente suo padre, ne era certo. Non era morto, lo sconosciuto l’aveva fermato in tempo impedendogli di compiere un gesto tanto insensato.
«Volevo soltanto smettere di soffrire» rispose Etienne.
(Capitolo35, pag 278)

L' ultima battaglia
 Apocalyptica - Hope Vol. 2
Fu un grido disperato, ma fu anche un grido di liberazione, carico di gioia per aver ritrovato sana e salva la donna che amava, e di speranza per il futuro che attendeva entrambi con le sue promesse.
Soprattutto di speranza.
(Capitolo 47, pag 393)

Addio, fratello
Hans Zimmer - Tennessee
Etienne tolse il coperchio dalla piccola urna e la rovesciò, spargendone il contenuto nell’aria. Il vento trascinò con sé e fece vorticare le ceneri, che splendettero nella luce del tramonto come polvere di diamanti. Rimasero sospese per un istante, poi cominciarono a scendere con lentezza. Mulinarono come in un vortice  verso il mare sottostante, le cui acque le avrebbero condotte al largo, al di là degli scogli, oltre le Ebridi, verso coste lontane e dimenticate.
(Capitolo 49, pag 402)


Che ne dite? Non vi è sembrato estremamente suggestivo?
Nel caso vi siate persi qualche tappa del blog tour, vi lascio qui la locandina e tutti i link dei blog interessati:

LE TAPPE DEL BLOGTOUR
1 Tappa - 24 Gennaio: Il profumo dei libri
2 Tappa - 31 Gennaio: Il libro che pulsa
3 Tappa - 7 Febbraio: Coffee&Books
4 Tappa - 14 Febbraio: Inky mist in a brighter night
5 Tappa - 21 Febbraio: Book Reviews
6 Tappa - 28 Febbraio: The Bookshelf
7 Tappa - 7 Marzo: The Secret Door
9 Tappa - 21 Marzo: Il profumo dei libri 


IL GIVEAWAY
Come forse saprete, collegato a questo blog tour c'è un fantastico giveaway, che permetterà a tre fortunati vincitori di vincere due ebook e una copia cartacea di Rebirth :) Ecco come partecipare:
  • Iscrivetevi come lettori fissi ai blog che partecipano al blogtour (potete farlo cliccando nella finestra che riporta la scritta SEGUI QUESTO BLOG);
  • Compilate il form sottostante con l'indirizzo e-mail a cui potrete essere contattati in caso di vittoria e con lo stesso nome usato nei commento ai blog;
  • Scrivete un commento a questo post nel quale comunicate di partecipare;
  • Mettere "mi piace" alla pagina Facebook del romanzo.
Inoltre, nel form potete trovare metodi per guadagnare qualche punto in più per l'estrazione finale:
  • Condividere il giveaway su Twitter
  • Condividere il giveaway su Facebook
  • Per chi ha un blog o un sito, condividere il banner del blog tour (nel form dovete inserire l'indirizzo del blog stesso)
 

a Rafflecopter giveaway

Ok, penso proprio di avervi detto tutto! :3
Sbizzarritevi pure con i pareri, adesso!
Un bacio,

15 commenti:

  1. Cosa posso dire?!!! Trovo semplicemente fantastica questa tappa! Le canzoni sono veramente bellissime e suggestive, e le trovo adatte ad ogni singolo momento qui riportato. Trovo che la musica sia un elemento fondamentale in un libro e almeno una volta bisogna provare ad ascoltarla mentre si è intenti nella lettura. A ogni modo tornando all'articolo, tra tutte queste canzoni la mia preferita rimane Tennessee di Hans Zimmer, (un compositore che adoro!), tratta dalla colonna di Pearl Harbour. Ogni volta che la risento mi viene la pelle d'oca ed i brividi! XD
    Detto questo condivido su Facebook: https://www.facebook.com/francesca.bomparola1?ref=tn_tnmn

    Google+1: https://plus.google.com/u/0/103462213315737961593/posts

    La mia e-mail è bomparola@alice.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io adoro Tennessee di Hans Zimmer :3 meravigliosa!

      Elimina
  2. capitolo 25 e capitolo 14 *-* gli estratti sono bellissimi e le canzoni sono perfette :3
    ho ascoltato Hurts tipo cento volte ahah! bellissima! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, l'autore ha fatto davvero un ottimo lavoro! *-*

      Elimina
  3. questa tappa e bellissima e una delle piu belle che abbia mai visto davvero... <3 <3 ad ogni tappa sale la mia voglia di leggere questo libro , voglio gia averlo tra le mani per divorarmelo...<3 le canzoni coincidono perfettamente con gli estratti e fantastico davvero.. :):)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicissima che ti sia piaciuta! :)

      Elimina
  4. Fatto tutto su face sn Emanuela Spedale e sn tua Follower con Fata Fatata..la mia email:dolcemanu86@hotmail.it
    Ecco il Giveaway pubblicati su Twitter e Facebook:
    https://twitter.com/dolcemanu1986/status/439420036894457856;
    https://www.facebook.com/EmanuelaSpedale/posts/486531004791944?stream_ref=10;

    RispondiElimina
  5. Questa tappa è stata spettacolareee *-* Ho amato leggere questi estratti con queste canzoni e musiche strepitose. Alcune già le conoscevo ed altre no, ma mi hanno colpito davvero tutte. Amo l'ultima, la musica adoperata in Pear Harbour *-* favolosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaaw, Hans Zimmer è sempre una garanzia!

      Elimina
  6. Bellissima tappa, alcune canzoni scelte sono davvero belle! Quella dei Muse, degli Aerosmith e di Hans Zimmer! Azzeccatissime con gli estratti. :D

    RispondiElimina
  7. Adoro quasi ogni canzone della playlist! Partecipo!

    RispondiElimina
  8. Particolarissima questa tappa *-* complimenti!
    caldaremail@gmail.com

    RispondiElimina
  9. Complimenti! ^_^ Bellissimo post!!!
    Del primo, del secondo e del terzo mi sono piaciuti moltissimo sia gli estratti che la canzoni, sopratutto le parole del secondo estratto che rendono perfettamente l'idea del dolore provato. Del quarto pezzo mi ha colpito sopratutto la frase "Tutto questo varrebbe meno della sabbia del deserto, se non ti avessi più al mio fianco", la canzone (che non funzionava) invece non mi è piaciuta. Idem per il 5° dove l'estratto mi è piaciuto mentre la canzone no (non è il mio genere). Del sesto estratto ho adorato tutto, sopratutto la canzone. Il 7° estratto mi ha messo una curiosità addosso... di cosa parlano?? la musica è bella. Dell'ottavo estratto mi ha colpito sopratutto la frase di Etienne "Volevo soltanto smettere di soffrire", bella la canzone. Del nono bella sia la canzone (anche se non è il mio genere) che l'estratto. Il decimo estratto è stupendo, il mio preferito e la canzone è molto azzeccata.
    Bel lavoro... grazie ^_^
    E' tutto alla prossima tappa!
    ciao
    seguo come: labibliotecainfinita

    RispondiElimina
  10. Aiuto...mi sono persa un bel po' di tappe, ma sto recuperando!!xD
    Gli estratti mi sono proprio piaciuti e le canzoni associate mi sembrano davvero perfette, anche se molte non le conoscevo!!:D
    Sono sempre più curiosa!! ^_^

    RispondiElimina