lunedì 23 novembre 2015

Recensione | Il Primo Bacio a Parigi - Stephanie Perkins

Un'altra settimana ha inizio.
Quale gioia. Devo fermarmi un attimo, perché le lacrime di commozione stanno cadendo sulla tastiera e mi rendono difficile scrivere.
...comuuuunque. Durante la mia assenza ho letto un bel po' di libri. Sapete tutti che, purtroppo, leggo più velocemente di quanto riesca a recensire, ma vorrei riuscire a parlarvi di almeno una buona metà di questi romanzi (tre quarti dei quali fanno piuttosto schifo. Ho avuto davvero cattivo giudizio).
Visto che non vogliamo iniziare con il piede sbagliato, vi propongo la recensione di un altro libro che mi è piaciuto davvero un bel po'.

Il primo bacio a Parigi
STEPHANIE PERKINS 

Anna and the french kiss #1


 De Agostini ▲ Rilegato 427 pagine ▲ 14,90 € 

TRAMA: « Anna è pronta a passare un ultimo anno di liceo indimenticabile insieme alla sua migliore amica e a un ragazzo che sta per diventare il suo ragazzo. Ma il padre ha deciso di regalarle un'esperienza altrettanto indimenticabile: un anno in una scuola internazionale a Parigi! Peccato che Anna non riesca a prenderla con altrettanto entusiasmo: non sa una parola di francese, si sente l'ultima arrivata e non riconosce neanche il cibo che trova a mensa. Per fortuna nei corridoi si scontra con quanto di più interessante la città possa offrirle: Etienne St. Clair. Occhi splendidi, capelli perfetti, un'innata gentilezza e un'irresistibile ironia: St. Clair ha proprio tutto... anche una fidanzata, purtroppo! Per quanto Anna cerchi di non infilarsi in una situazione complicata, Parigi non è proprio la città adatta per resistere a una cotta colossale... »


Nel giro di pochi mesi la DeA ha tirato fuori due edizioni di questo libro, ma nessuna cover è bella quanto l'originale. Premessa fatta, possiamo iniziare.
Tutti attraversiamo un momento della nostra vita da lettori in cui abbiamo il bisogno viscerale di un qualcosa di leggero e poco impegnativo. Quest'estate, io mi sono data prevalentemente alle letture da ombrellone. Tra tutti gli sprechi di carta che mi sono finiti tra le mani (e, credetemi, ho letto delle assurdità così tremende da meritare una rubrica tutta per loro...) mi è venuto in mente che avevo ANNA AND THE FRENCH KISS a stagionare sul Kindle da un po' di mesi.
Così, fiduciosa, l'ho iniziato, l'ho divorato in una notte e ho finalmente trovato la distrazione che cercavo. Ma andiamo con ordine.

Sulla trama non c'è granché da aggiungere, perché la sinossi rilasciata dalla casa editrice dice tutto ciò che c'è da sapere. Anna è nuova e spaesata, fa amicizia con la sua vicina di stanza e viene introdotta alla sua cerchia di amici. Tra loro c'è Étienne, che è un cocktail di nazioni: un nome francese, accento inglese e cittadinanza americana. Belloccio ma non troppo, più basso di Anna (!!!), fidanzatissimo.
La vicenda procede in linea retta, senza intoppi e senza scossoni: i due fanno amicizia, iniziano a conoscersi meglio, diventano bff, si innamorano l'uno dell'altra, attraversano incomprensioni più o meno plausibili e corrono spediti verso il finale che chiunque si aspetterebbe.
È un romanzo semplice, forse troppo se paragonato agli altri della sua stessa categoria, che vantano intrecci altalenanti e drammi personali angoscianti. Lo YA creato dalla Perkins dà importanza ai suoi protagonisti: gli adolescenti genuini, quelli fatti di discorsi sconclusionati e sogni intraprendenti, quelli che non sanno quale sia il proprio posto del mondo, quelli che si innamorano del proprio amico e si fanno mille paturnie inutili. 
La storia di Anna ed Étienne è di una dolcezza senza precedenti, al punto da far passare in secondo piano i cliché del genere sparsi qua e là tra le pagine.
Ho adorato i personaggi della Perkins, il modo genuino in cui si sono ritrovati ad interagire tra di loro, l'evolversi lento e curato della loro relazione. Dimenticate il fattore ista-love, perché qui bisognerà passare attraverso gli stadi primari dell'attrazione imbarazzante, del no-siamo-proprio-amici, dell'infatuazione, il tutto in modo così coinvolgente che è impossibile non gioire ad ogni tappa.

Ho adorato l'ambientazione, non tanto quella parigina che non è esattamente descritta con minuzia di dettagli, ma quella del college estero visto dal punto di vista di una ragazza che non sa come ambientarsi. Forse mi ha un po' infastidito l'uso frequente di stereotipi, ma va considerato che il libro è scritto dal punto di vista di Anna e che, quindi, noi lettori vediamo le cose filtrate attraverso il suo sguardo.
Lo stile è molto semplice e ironico. Ho trovato alcuni passaggi davvero esilaranti e ad un certo punto avrei voluto rallentare il ritmo di lettura per non finire il romanzo troppo in fretta.
Tirando le somme, IL PRIMO BACIO A PARIGI non è il libro perfetto, ma fa egregiamente il suo lavoro. Intrattiene, emoziona e scalda il cuore, proponendo una storia d'amore peculiare nella sua semplicità disarmante. Se cercate una storia tenerissima e senza pretese, che saprà regalarvi qualche ora di svago totale, io ve lo consiglio a scatola chiusa.

Mmmh. Ero convinta che questa recensione sarebbe uscita piuttosto corta. Invece è perfettamente nei miei standard. Vi giuro che io ci provo ad essere più sintetica, ma che posso farci se sono logorroica?!
Mentre riflettete sulla questione, lasciatemi i vostri pareri!
Un bacio!

21 commenti:

  1. A me la storia di Etienne ed Anna ha scaldato tanto il cuore :3 l'ho adorato e ora non vedo l'ora di scoprire Isla *-* bella recensione amour ♥ sono contenta ti sia piaciuto in un'estate non del tutto positiva :) Poi è bello assistere dietro le quinte mentre la recensione nasce, perché me può :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine credo che Anna sia il migliore dei tre. Per esempio, a me anche Lola è piaciuto, ma non quanto Anna :3
      Però sì, magari Isla mi fa ricredere u_u

      Elimina
  2. Anch'io l'ho adorato ♥ ha appagato appieno la mia parte fin troppo romanticosa! ;)
    Per quanti riguarda i brutti libri che hai letto, ne dovresti fare davvero una rubrica, sarebbe esilarante! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ci sto pensando XD perché, credimi, ho letto delle merdate...

      Elimina
  3. Ok, devo ricredermi! Avevo snobbato questo libro (forse per colpa della cover) ma dopo la tua recensione non sono più così convinta di non volerlo leggere! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cover italiana non è che attiri poi così tanto, ma il libro è davvero carino carino :)

      Elimina
  4. Ma che bello siete tornate nella blogsfera (mi sono accorta solo ora dei post precedenti che mi ero persa, corro subito a leggerli)! :)
    Anche io ho amato follemente questo libro, ed Etienne non mi è rimasto per niente indifferente xD
    Anche gli altri due libri della serie non sono male, anzi, ma secondo me questo rimane il migliore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooo! *-*
      Io Etienne l'ho adorato, è proprio stilato per essere amato a prescindere.
      Ecco, sospettavo che Anna sarebbe stato il migliore dei tre XD tirerò le somme dopo aver letto anche Isla.

      Elimina
  5. oh... Ammetto che anche io avevo un po' snobbato questa serie. la terrò presente per quando avrò voglia di qualcosa di dolcioso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, prendila in questo modo e non aspettarti il libro che ti cambierà la vita, però è una lettura davvero carina :)

      Elimina
  6. Ho letto solo recensioni positive su questo libro, eppure... non so, continua ad attirarmi meno di zero XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Kate, togli mano: non è per niente il tuo genere, mi sa.
      Se puoi vuoi farci un pensierino quando proprio non hai un cavolo da leggere, bene, ma non penso che ti prenderebbe poi così tanto XD

      Elimina
  7. Io ho letto recensioni di gente che lo paragona ad un porcospino in un'occhio ad altri che lo osannano. E' uno YA e spesso e volentieri sono proprio pasticciati.
    Non ti preoccupare di fare recensioni logorroiche, ci piacciono così logorroiche come sono! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un porcospino in un occhio mi ha uccisa, sappilo.
      Esatto, va considerato il fattore YA, che ha sempre un gran ruolo nella questione.
      Però... che devo dirti :3 questo è proprio tenero.

      Elimina
  8. Assolutamente Amen. Concordo con ogni parola.
    Di solito questo tipo di romanzo mi lascia del tutto indifferente (e talvolta mi infastidisce proprio), ma "Anna and the French Kiss" mi ha colta totalmente di sorpresa, tanto che alla fine ho DOVUTO acquistare anche la copia cartacea. E ora la rileggo quando sono triste :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serenella! ♥
      Pensa che io ho ordinato in blocco su Amazon il cartaceo di tutti e tre, subito dopo aver finito l'ebook. Sono senza speranza.
      Ma non sono pentita.

      Elimina
    2. No regrets!!! XD
      Io ho comprato "Lola and the Boy next door" come auto-regalo dopo un esame (=P) e ho già messo nel carrello "Isla and the Happily Ever After"... aspetto solo la scusa giusta :3

      Elimina
  9. Ero davvero curiosissima di leggerlo, dato il mio bisogno di libri leggeri!
    Una bellissima recensione, e sono ancora più ansiosa di comprarlo e cominciarlo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! *-* spero possa piacerti!

      Elimina
  10. Ho adorato questo libro, così come "Il mio primo amore sei tu"! E poi lo ammetto, anch'io ho ceduto al fascino di Etienne! :3

    RispondiElimina
  11. Io ho appena finito questo libro e OMG la dolcezza!
    St. Clair è adorabile e questa location, nonostante la mia avversione per il fracese è così dolciosa *-*
    Qualche clichè qua e la, si, ma niente di che e Anna è una protagonista che finalmente mi stava simpatica ^^
    Bello bello, lo consiglierei a chiunque e non vedo l'ora di leggere il seguito!
    PS: Solo a me suonava strano l'essere così ignorante di Anna in materia di storia francese o europea? Cioè, era strano, anche se lo capisco perfettamente, perchè lei è americana eheh
    PPS: Se vuoi dare un'occhiata alla mia recensione la trovi qui :3
    Rainy

    RispondiElimina