sabato 13 settembre 2014

Recensione | Stardust - Neil Gaiman

Buon sabato a tutti, miei piccoli viandanti!
Arg, che periodo frenetico che è questo! Ho mille recensioni da postarvi, mille modifiche che vorrei apportare al blog, mille idee per mille post nuovi e rubriche e roba a random, ma zero tempo per mettermi seduta al pc e cercare di organizzare il tutto.
Riuscirò a farcela, prima o poi. Sono fiduciosa.
Anyway, oggi vi lascio una recensione che ho scritto un bel po' di tempo fa e che mi ha fruttato la vittoria al Torneo Tremaghi organizzato da Reading is Believing e Dreaming Fantasy (ahah! Prendi questo, Potter!).
Un po' diversa dalle mie solite, ma spero riuscirà comunque a farvi capire cosa ne penso di Stardust di Neil Gaiman.

Stardust
NEIL GAIMAN 



 Mondadori ▲ Brossura 245pagine ▲ 9,45 € 

TRAMA: « In una fredda sera di ottobre una stella cadente attraversa il cielo e il giovane Tristan, per conquistare la bellissima Victoria, promette di andarla a prendere. Dovrà così oltrepassare il varco proibito nel muro di pietra a est del villaggio e avventurarsi nel bosco dove ogni nove anni si raccoglie un incredibile mercato di oggetti magici. È solo in quell'occasione che agli umani è concesso inoltrarsi nel mondo di Faerie. Tristan non sa di essere stato concepito proprio lì da una bellissima fata dagli occhi viola e da un giovane umano e non sa neppure che i malvagi figli del Signore degli Alti Dirupi sono anche loro a caccia della stella...  »





Ho sempre guardato con una sorta di ammirazione e desiderio i libri di Neil Gaiman. Non so neanche io il perché ma tutto, a partire dalle cover per arrivare ai titoli evocativi, sembrava promettermi storie fantastiche e ricche di magia. Quindi, quando si è trattato di scegliere solo da dove iniziare, non ho saputo resistere e mi sono buttata subito su Stardust. Amo le stelle, come potevo lasciarmi scappare un romanzo che ne aveva una come co-protagonista?!

Tristan vive a Wall, cittadina che prende il nome dal muro di confine tra il mondo degli umani e il mondo magico. E' innamorato di Victoria, ragazza bellissima ma superficiale, e farebbe di tutto pur di conquistare il suo cuore. Così, quando i due vedono una stella cadente, Tristan le promette che andrà a raccogliergliela e gliela donerà.
Questo comporterà non solo il superamento del confine, ma anche un viaggio fuori dal comune, che porterà Tristan a fronteggiare strane avventure e personaggi bizzarri, oltre che a far chiarezza su alcuni avvenimenti del suo passato che sembrano un po' troppo oscuri.

Con Stardust, Neil Gaiman ci regala un romanzo dal sapore fiabesco. Tutto, a partire dalle ambientazioni per arrivare ai vari personaggi, potrebbe trovare posto in una raccolta di fiabe, di quelle che leggevamo quando eravamo piccoli.
La storia di Tristan viene raccontata con uno stile semplice e diretto, senza troppi artefici retorici o descrizioni, perfetto per conquistare i lettori più giovani e suscitare un po' di malinconia in quelli più grandi.
I personaggi non hanno un grande sviluppo e non sono granché caratterizzati, per la stessa ragione che fa in modo che nessuno di noi conosca ciò che passa nella testa del Principe Azzurro quando va a svegliare con un bacio la Bella Addormentata.
Sono cristallizzati lì, nel loro universo fiabesco, con le loro missioni da portare a termine e le loro fanciulle da salvare.
Per quanto io possa preferire romanzi che dedichino un ampio spazio all'introspezione dei propri abitanti, non posso di certo dire di essere rimasta delusa da questo mio primo approccio con Gaiman. Mi aveva promesso magia, e l'ho avuta. Mi ero aspettata avventure mirabolanti e personaggi fuori dal comune, e ho trovato anche quello. Alla fine, dopo aver letto un epilogo adorabile -anche se forse un po' affrettato-, mi sono ritrovata con un sorrisetto stampato in volto e la voglia di andare a ripescare il mio vecchio volume di fiabe dei fratelli Grimm.
Non credo sia il romanzo migliore di Gaiman, ma è certamente un buon titolo con cui iniziare.

Devo ammettere che, in questo caso, ho preferito la trasposizione cinematografica. Mi è sembrata più completa.
Voi che ne pensate? Lo avete letto? :3 Di Gaiman (ft. Pratchett) ho letto anche Buona Apocalisse a tutti, ma è così geniale che ho paura di recensirlo.



24 commenti:

  1. anche tu hai partecipato!!! Anche io e ci siamo scontrate su questo libro!!! ero una delel tre!! ma poi come è finito che mica ne ho saputo più niente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooooh davvero? *-*
      Non hanno fatto la premiazione pubblica, mi sa! A me è arrivata la mail di Leda che diceva che avevo vinto.

      Elimina
  2. Anch'io ho preferito la trasposizione cinematografica al libro. Poi la Danes è bravissima così come la Pfeiffer!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Danes non mi fa impazzire come attrice, ma ci stava un amore! *-*

      Elimina
  3. E' da molto tempo che voglio iniziare Gaiman, proprio per i tuoi stessi motivi: evocazione e favole!!!
    Credo che Gaiman dovrà aspettare un altro po', ma spero che a breve in televisione comincino la terza serie di "Once upon a time", che calmerà un po' la mia sete di favole!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaiman ne vale comunque la pena! Piano piano recupererò tutto quello che ha scritto :3

      Elimina
  4. Stardust non è il mio libro preferito di Gaiman, nemmeno tra quelli per ragazzi (Coraline per tutta la vita), e di lui preferisco i fantasy per adulti (American Gods e I Ragazzi di Anansi sono quello che ho sempre voluto da un urban fantasy). Concordo con la recensione: una bella favola, che non vuole essere niente di più e niente di meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. American Gods lo voglio da miliardi di anni. Ero tentata di prenderlo a Torino, ma poi ho visto Buona Apocalisse a tutti e... il resto è storia!

      Elimina
  5. Concordo pienamente con la recensione! :)

    RispondiElimina
  6. L'ho comprato anche io di recente e spero proprio di leggerlo a breve ^_^
    Ho adorato il film, così fiabesco.. *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero ti piaccia! :) il film a me è sembrato più approfondito. E poi, con quel cast!

      Elimina
  7. Heyyyy! adoro il vostro blog e mi piacciono tantissimo le vostre recensioni. Anche io proprio ieri ho aperto un blog, se vi va passate e datemi tanti consigli che ne ho bisogno, spero vi piacciano i miei primi post, il blog è www.allabouthatbook.blogspot.com <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara :) sono già passata da te!

      Elimina
  8. L'ho letto anch'io e l'ho apprezzato molto.. sono d'accordo però con te sul finale un pò frettoloso, avrei preferito maggior approfondimento su alcuni fatti.. nel film il finale l'ho trovato migliore :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! Come ho scritto anche prima, credo che il film sia stato approfondito di più e reso meno "favoletta", per così dire.

      Elimina
  9. Io sto leggendo ora Buona Apocalisse a tutti..non lo so non lo so, non voglio sbilanciarmi...per il momento posso solo dire che mi aspetto di più dalle restanti 200 pagine.
    Stardust: ho visto il film e l'ho amato,adorato, venerato <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona Apocalisse a tutti a me è piaciuto da morire *-*
      Spero che le restanti 200 pagine sappiano conquistare anche te! <3

      Elimina
  10. Io non l'ho letto, però mi piacerebbe :3
    Il film l'ho visto però! Carino, nulla di eccezionale ma carino :)
    Le fiabe non fanno mai male... a leggerlo lo leggerò, parola di lupetto!

    ps Non mi meraviglio che tu abbia vinto, davvero una bella recensione <3

    RispondiElimina
  11. Che bella recensione amour *-* bella bella! Non ho letto nulla di Gaiman, questo già lo sai, ma questo romanzo mi ispira. Se c'è una atmosfera fiabesca potrebbe piacermi, magari più in là...chissà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie! *-* penso che potrebbe piacerti!

      Elimina
  12. Anche io l'ho letto e devo dire che sono d'accordo con le tue osservazioni! Oltre "Stardust", di Gaiman ho letto "Coraline" e "Il ragazzo dei mondi infiniti" e più meno il mio giudizio ruota intorno alle tre stelline (io sono banale, non ho i Wolverine :P) anche per loro ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono decisamente carente per quel che riguarda Gaiman, il che è una vergogna. Recupererò :3

      Elimina