sabato 5 aprile 2014

Blogger Love Project - Mini Challenge #2: A Letter to your former\future self

Buongiorno lettori e buon Blogger Love Project a tutti!
Spero che abbiate fatto una bella colazione energetica stamattina, perché oggi abbiamo un mucchio di cose meravigliose da fare insieme *-*
Prima di partire in quarta, concedetemi una breve introduzione.
Il Blogger Love Project è un'iniziativa organizzata da Juliette di Sweety Readers, Veronica di She was in Wonderland e... me! Prevede tre giorni di attività e di interazioni tra blogger e lettori, tutte con lo scopo di condividere il nostro amore per la blogosfera e i blog che seguiamo!
Ci saranno tanti premi per le varie tappe e un bellissimo giveaway finale :3
Non vi dico altro. Nel caso in cui qualcuno di voi si fosse perso il post introduttivo, può andarlo a recuperare qui e avere tutte le informazioni necessarie :3 Qui, invece, trovate i link di tutti i blog partecipanti!

Dunque, siamo al secondo giorno di questa nostra esplosione d'amore. Se ieri non siete passati da queste parti, la prima giornata è stata ospitata da Sweety Readers :3 andate e recuperate le tappe precedenti!
Oggi, come forse avrete intuito, la festa si è spostata da me :D

Partiamo subito con la seconda Mini-Challenge del project: 
A Letter to your former\future self.
In cosa consiste? 
Dovete scrivere una lettera ai voi stessi del passato o del futuro.
Se decidete di rivolgervi ai voi stessi del passato, potete rivolgervi ai Piccoli Voi dandovi consigli, avvertimenti, o rassicurazioni varie :3
Se, invece, decidete di rivolgervi ai voi stessi futuri, beh... sotto con gli obiettivi! Dove vi prefiggete di essere tra un tot anni? Quale libri avete intenzione di iniziare? Cosa succederà al vostro blog?
Questa challenge dà un mucchio di spazio alla fantasia, quindi sbizzarritevi e vediamo un po' cosa ne viene fuori! Dovrete postare la vostra lettera in un commento sotto al mio post e... non dimenticatevi di leggere le lettere di tutti gli altri partecipanti!
Alla fine sceglierò la lettera più bella e il vincitore si aggiudicherà tre ebook a scelta tra quelli messi in palio :3
Non è magnifico? *_____*

Edit dopo aver scritto la lettera: Dio mio, che faticaccia. Pensavo di tirare fuori un qualcosa di ironico e divertente, invece avrete un'inedita Mel seria. Fuggite.

Io non ci ho messo molto a decidere. La mia lettera è indirizzata alla Me del Passato. Ho scelto di rivolgermi ad una Me tredicenne, in uno degli ultimi periodi completamente spensierati che ho avuto.
Quella a cui mi rivolgo è una Vicky davvero bisognosa di consigli e avvertimenti e... mi sa che mi sono lasciata un po' prendere la mano. Ho scritto un papiro. Mi dispiace. Potete tranquillamente mentirmi e non leggerla u_u
5 Aprile 2014
Cara Vicky del 2005,
sì, è esattamente come sembra. Sono te e ti scrivo dal 2014. Riesco a vedere chiaramente i tuoi occhi che si illuminano e a sentire la tua vocetta eccitata: "Lettere dal futuro! È così romantico!".
No, non è romantico per niente. Mettiti comoda e prendi appunti: ho un bel po' di consigli da darti.
Prima di tutto, smettila di guardarti allo specchio con aria disgustata. Non potremmo mai essere magre come quelle tre compagne di classe, la nostra costituzione non ce lo permette. Però, poco a poco, possiamo riuscire a trovare il modo per camuffare i nostri difetti e mettere in luce le parti che più ci piacciono del nostro corpo. Qualche esempio? Una pinzetta per le sopracciglia fa miracoli. Struccati la sera prima di andare a dormire (sì, mamma ha ragione! Anche se, tieniti forte, arriverai ad un punto in cui dovrai essere tu a dirlo a lei!). Non portare i jeans a vita troppo bassa e, per l'amor del cielo, vestiti pure come un maschiaccio, ma smetti di portare i capelli corti. Ci stanno male per due motivi: uno, abbiamo le guance da criceto, e due, noi non siamo Mulan. Lei è asiatica e ha i capelli lisci. Noi siamo più un tipo alla Hermione Granger.
A proposito di questo, sappi che la schiuma di capelli non ti farà una chioma leonina. Anzi, ci sarà estremamente utile per domare la nostra criniera e arriverai al punto di riporre la piastra in un cassetto, perché ti piacerai riccia.
Poi, lo so che credi di aver sofferto per amore, ma credimi... sei così piccola. Il rifiuto può far male sul momento e può capitare che ti senta sola e abbandonata, ma devi solo guardarti intorno. Le vedi Milla e Gaia? Tra nove anni saranno ancora qui con te, il vostro rapporto sarà cresciuto insieme a voi e capirai di aver fatto bene ad etichettarle come sorelle. Hai presente Davide, quel ragazzino che hai appena conosciuto? Diventerà il tuo migliore amico e passerete interi pomeriggi a parlare di libri, buttare giù caffè troppo zuccherati e a rubarvi l'acqua rimasta nei bicchieri.
Cambierai, Vì, perché la vita ti colpirà più volte e reclamerà il prezzo di questi anni felici che ti ha regalato. E tu raccoglierai i lividi, ingoierai tutte le lacrime e ti rialzerai, con gli occhi gonfi e il cuore a pezzi, ma con la consapevolezza di aver imparato qualcosa di buono da quella storia.
Quindi, stai bene attenta che adesso arrivano i consigli fondamentali.
Non dare per scontata la presenza di nessuno e non aspettare a dire a qualcuno che gli vuoi bene: potresti arrivare troppo tardi e quel qualcuno potrebbe non essere più lì, ma non per sua scelta. L'estate del 2009, quando crederai di aver gestito le cose nel migliore dei modi, sappi che non lo hai fatto: torna sui tuoi passi, non fare il mio stesso errore e non rischiare di perdere la tua migliore amica. Il 25 Giugno del 2010, ti prego ti prego ti prego, non ignorare quella telefonata: non cambierà le cose e lei andrà via comunque, ma almeno potrai smettere di farti divorare dai sensi di colpa. Quando alcune persone ti volteranno le spalle o ti lasceranno cadere senza neanche provare ad afferrarti, pensa a coloro che non hanno avuto scelta e ti sono stati strappati via: vedrai che, in questo modo, non ti ritroverai mai a piangere per un uomo.
Continua a scrivere, perché è davvero questo quello che vuoi fare. Nel 2014 avrai ventuno anni e mezzo, un libretto universitario con scritto "Editoria e Pubblicistica" e le mani sempre sporche d'inchiostro.
E, soprattutto, sorridi, brutto sgorbietto che non sei altro. Nonostante tutto, sorridi, perché alla gente piace quando sorridi e perché ti verrà più spontaneo farlo quando quell'apparecchio per i denti sarà sparito (solo altri due anni. Resisti!).
Non farti illusioni, però; non diventeremo mai delle strafighe, non supereremo il metro e sessantacinque di alzezza, continueranno ad esserci giorni in cui non riusciamo neanche a guardarci allo specchio e, soprattutto, non sposeremo mai Orlando Bloom.
Ma sai cosa? Diventeremo una persona con una montagna di sogni e tanta forza di volontà, ci sorprenderemo per le piccole cose e lotteremo per ritagliarci il nostro posto nel mondo. Avremo la tua spensieratezza e un pizzico del mio giudizio, smusseremo il tuo romanticismo da diabete con una spruzzata di cinismo dato dall'esperienza.
Oh, e nasconderemo i romanzi di Moccia facendo finta di non averli mai posseduti. Sapremo essere felici, a modo nostro.
Sperando che la Vicky (perché sì, sono sicura che non ci faremo MAI chiamare Vittoria) del 2020, nella sua lettera, ci scriva di essere finalmente riuscita a pubblicare (o a finire?) il nostro libro.
 Buona vita, Bee. 
Vicky

Lo so, lo so. È lunga. Lo so. Ma sappiate che è stato davvero terapeutico mettere tutto per iscritto :3
Adesso... è il vostro turno! Via con i commenti e fatemi conoscere i Voi del passato o del futuro! *-*
Prima di andare, vi lascio il form del giveaway che potete aggiornare con i vostri link *_* Cosa si vince? Un pacchetto di libri italiani e inglesi, che il vincitore sceglierà tra quelli proposti! 
Ricordate che più partecipate, più possibilità avete di vincere!

Per il momento è tutto! Ci rivediamo alle 14:00 per condividere effettivamente tutto il nostro amore per i blog che seguiamo!
Un bacio,

60 commenti:

  1. 5 aprile 2014

    I consigli che ti do piccola me del futuro un po' cresciutella sono pochi : hai un sogno, seguilo, senza perderlo mai di vista e senza arrenderti mai ( se no arrivo io dal passato e ti prendo a schiaffi!) non ascoltare quelli che diranno che non ce la farai perchè se ce la metterai tutta anche i piccoli risultati saranno una vittoria, e lo sai che arriveranno. Non smettere di crederci neanche per un istante, non smettere di lottare, perchè il tuo futuro è li, dietro l'angolo lo devi solo afferrare. Però non essere impulsiva, impara ad aspettare e riflettere, le cose fatte con calma sono sempre le migliori. Allo stesso tempo non adagiarti sugli allori pigrona! Continua a costruire nuovi mondi, nuove storie e dargli vita con i tuoi pensieri e sentimenti, perchè questa sei tu, una fabbricante di storie, e non puoi fare altro!

    grazie per questa bellissima iniziativa!! la mia email è impasse567@gmail.com. complimenti ragazze!!!

    RispondiElimina
  2. Io ho scritto tantissimo... cmq questa è la mia lettere a Alessia del passato!

    "Cara Alessia,
    tu non mi conosci ancora, perché non siamo per nulla simili io e te. Ti scrivo dal futuro per raccontarti del tuo giovane ma divertente blog che inizierai a scrivere nel 2013.
    La scrittura ti è sempre piaciuta, ma non ti sei mai buttata in un'esperienza simile. Ti posso per il momento spronare a continuare sulla tua strada, inseguendo sempre i tuoi sogni, e non lasciando mai la compagnia di un buon libro e di una penna sulla carta bianca.
    Eri una silenziosa ragazzina che non voleva essere al centro dell'attenzione, a scuola facevi tappezzeria, ma dopo ti sei aperta, scoperta e riscoperta. Hai sempre letto, da quando eri alle scuole elementari, ma ti ha sempre spaventata l'idea di gestire un blog, con altri mille impegni che la vita ti riserva ogni giorno.
    Ma nel 2013 proverai questa nuova esperienza, e penserai che avresti potuto iniziare prima. Ma molte cose te lo impediranno: l'epoca di internet è arrivata dopo i tuoi 18 anni circa, i tuoi genitori non avranno un collegamento internet perché costa ed è inutile, sarai impegnata in mille attività come il coro della parrocchia, lo sport o il teatro.
    Non perderti d'animo, conserva tutte le mille idee che ti frullano in testa per il blog che aprirai. Non c'è nulla per ora che ti consiglio di evitare. L'unica pecca è che ti piace scrivere ma quanto a grafica lasci un po' a desiderare.
    Il blog ti aiuterà a conoscere un mondo immenso e infinito di persone che amano la lettura quanto te. Imparerai a farti conoscere, e un po' apprezzare! Non montarti mai la testa, perché nel 2014 sarai ancora solo un'autrice esordiente che ha pubblicato qualche racconto o poesia. Non sarai famosa, e forse non lo sarai mai.
    So che per te viene prima la famiglia, e questa sarà il tuo punto fermo, la tua forza. Ma trova sempre il tempo per tenerti aggiornata, leggere millemila libri, e scrivere, anche solo per tuo diletto personale.
    Ti assicuro che conoscerai virtualmente tante persone magnifiche, che ti daranno utili consigli per le migliorie del tuo blog. Ascoltale tutte, stringi delle belle amicizie virtuali (anche se le amicizie "dal vero" sono molto importanti). E chissà che un giorno incontrerai qualche blogger amico, qualche autore dei tuoi libri preferiti o qualche grafico... per le strade della città.
    Il più bel ricordo che terrai nel cuore sarà l'organizzazione del tuo primo Giveaway. L'emozione della ricerca del libro da mettere in palio, il post di pubblicità, l'estrazione del vincitore.
    Belle esperienze, dolci ricordi.
    Continua così, io ti sono vicina, ti penso sempre... con un sorriso!
    La tua Alessia 2.0 dal futuro 2014"

    Se volete leggere il mio post, visitate il mio blog "Scrivere mi piace"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima lettera, Alessia! Passo subito da te :*

      Elimina
  3. Complimenti ragazze! *O* non so perché mi sto commuovendo a leggere queste lettere piene di vita, di anni passati o di anni che dovranno ancora arrivare!! *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Leda *-* anche io mi sto emozionando davvero tanto!

      Elimina
  4. E' bellissimo leggere le vostre lettere anche se forse non dovrei leggerle tutte di filato, rischio di farmi venire due occhi rossi da paura XD La tua lettera mi ha fatto divertire e anche commuovere :) dovrebbero seguire tutti i consigli che dai, credo che un po' tutte ci ritroviamo con le cose che hai detto ^-^ Ti auguro tantissima fortuna e felicità per il futuro e spero di poter leggere un giorno la lettera della Vicky futura che ci scrive con fierezza e soddisfazione della pubblicazione del suo libro :) un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un tesoro. Grazie di cuore.

      Elimina
  5. Caspita Mel!! Hai scritto una lettera davvero carinissima! *-*

    RispondiElimina
  6. Bellissima lettera Mel! Dolce, sincera e profonda! Non è da tutti aprirsi in questo modo e affrontare le proprie paure, ci vuole coraggio!
    Brava :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Susi! Corro a leggere la tua :)

      Elimina
  7. Ommioddio mi hai fatta piangereeeee! Che lettera bellissima.
    Ah se solo fosse possibile farlo davvero, poterci scrivere dei consigli in modo da evitare scocciature...vabbè ma è così che si cresce no?
    Questo è il link alla mia lettera: http://inside-a-book.blogspot.it/2014/04/blogger-love-project-mini-challenge-2.html
    Un bacione Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Rosy!
      E' vero, sarebbe bellissimo poter dare avvertimenti concreti alle noi del passato. Ma, alla fine, sono tutti i vari errori che abbiamo commesso che hanno creato le persone che siamo adesso :)
      Passo subito da te!

      Elimina
  8. "Hai presente Davide, quel ragazzino che hai appena conosciuto? Diventerà il tuo migliore amico e passerete interi pomeriggi a parlare di libri, buttare giù caffè troppo zuccherati e a rubarvi l'acqua rimasta nei bicchieri."

    Ti voglio bene, Ariel.
    Ti voglio davvero bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei l'estensione di me stessa.
      Ti voglio bene.

      Elimina
    2. bbbelli siete <3 quella parte su Dadduà mi ha quasi commossa, è tenerissima.

      Elimina
    3. Cugi ho letto la tua lettera con i lacrimoni. Tutta! Mi hai uccisa... sei fantastica ç_ç e ti voglio bene!
      Ps: C'è ancora tempo per sposare Orlando Bloom! Ahahah
      Pps: Ci sono io ogni tanto a ricordarti che ti chiami Vittoria ;)
      Ppps: Sono sicura davvero che un giorno riuscirai a realizzare tutti i tuoi sogni, e tiferò sempre per te <3

      Elimina
  9. Amore sai già quanto io mi sia commossa leggendo la tua lettera. E' semplicemente stupenda! Adoro la piccola Vì tanto quando adoro te <3 Ti voglio bene!

    RispondiElimina
  10. Io la conoscevo quella Vicky là.
    Era pretty cool.
    Ma *e sta per arrivare QUALCOSA DI CARINO* quella di ora è AWESOME.
    Good job, Bear.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aw my little chocolate raggedy bitch sociopath loopy sister ♥

      Elimina
  11. Mel hai scritto davvero una lettera bellissima, leggendola mi sono commossa più volte!
    Scriverla è stata anche per me una faticaccia, ma alla fine mi sono divertita e penso ci abbia fatto anche bene dare uno sguardo al passato :)
    Corro a leggere le altre lettere :D

    RispondiElimina
  12. Quasi temevo di non aver tempo di leggere le vostre lettere e invece (pian piano) le leggerò tutte :D La tua è carinissima, mi è piaciuta tantissimo, è così vera!

    RispondiElimina
  13. *___* Oh dio, wow! Mi è uscita una lacrima perché forse vorrei dire le stesse identiche cose alla mia giovane Me, però allo stesso tempo so di avere tante cose da imparare dalla vita e quindi non mi sembra neanche giusto rimproverare la Me del passato. Comunque hai ancora tempo per sposare Orlando Bloom, sempre se non lo sposo prima io U.U ahahahahaha
    Io non scriverò una lettera, perché non sono brava con le parole e perché non saprei che scrivere, neanche per il futuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io inizialmente avrei voluto urlarle alla Piccola Me "CRETINA!", ma poi ho pensato che non sarebbe stato carino urtare i suoi sentimenti:3
      E... dai Chris: ORLANDO BLOOM SARA' NOSTRO! *__*

      Elimina
  14. Ciao Mel seria. Vedo che hai comunque lasciato il tuo briciolo di ironia tra uno spazio e l'altro, come sai fare solo tu. Continua a scrivere perché fa parte della tua natura, perché le tue parole riempiranno il tempo di altri, e chissenefrega dello specchio. Io aspetto di vedere la lettera del futuro per il libro pubblicato, ma non per il 2020, ma molto prima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai commossa. Grazie, Cri. ♥

      Elimina
  15. La tua leggera è bellissima, mi ha davvero commossa :***
    Ho scritto la mia, non sono mai stata brava nelle lettere, ma ci ho provato comunque ^_^

    http://mysweet-book.blogspot.it/2014/04/blogger-love-project-mini-challenge-2.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti è uscita benissimo! Alla fine... siamo tutti bravi con le lettere :)

      Elimina
  16. Bellissima lettera!!! *-* Mi sono commossa!! :')
    Oggi purtroppo è proprio una giornataccia e non ho proprio il tempo di pensare/scrivere la lettera...e nemmeno per partecipare alle altre attività!! :( spero di riuscire a recuperarle domani!! :)

    RispondiElimina
  17. Molto molto molto bella la tua lettera, dice veramente tanto di te! Ecco la mia

    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2014/04/blogger-love-project-mini-challenge-2.html

    RispondiElimina
  18. Adoro la tua lettera** è davvero bellissima e mi hai quasi commossa!

    Qui trovi la mia:http://paroledi-carta.blogspot.it/2014/04/blogger-love-projecta-letter-to-your.html, non è niente di che, ma ci ho comnque provato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima la tua lettera *--*

      Elimina
    2. Ma la tua è pura meraviglia! *-*

      Elimina
  19. Bellissima la tua lettera *___*

    RispondiElimina
  20. Ho letto tutte le vostre storie e sono molto colpito: è bello vedere quanti consigli, suggerimenti e tanto altro ognuno di noi voglia dare a se stesso, che sia un se stesso del futuro o del passato non importa. Come dire, ci teniamo alla nostra vita.
    Ed è per questo che ho deciso di scrivere anch'io una lettera, scegliendo come soggetto il me stesso del Futuro per una motivazione ben precisa che si troverà nel messaggio di seguito. Spero che piaccia a tutti voi e spero che possiate leggerlo.
    Devo scusarmi per la lunghezza, ma non sono capace di scrivere poco :) pertanto, divido la lettera in due commenti.

    PRIMA parte.




    Vico Equense, 5 Aprile 2014

    Caro Davide,
    se adesso stai leggendo questa lettera, vuol dire che il nascondiglio dietro l’armadio dei vestiti finalmente è stato scoperto. Oppure, probabilmente Riccardo, nostro fratello, starà facendo i lavori di ristrutturazione all’intera casa, nella speranza di ampliarla e di rendere l’appartamento pieno di stanze per eventuali bambini avuti o che verranno. Sembra tutto così strano, eppure non credere di essere finito in uno scherzo di "Paperissima" (chissà se quel programma esiste ancora al vostro tempo; da noi sì e resta sempre uno dei più visti, come ricorderai); dicevo? Sì, ecco: non credere che sia una finzione, perché le leggi dell’universo non sono state violate a causa di questa pazzia di cui ora sei circondato. Stai leggendo una lettera scritta da un te stesso passato, o meglio da te in prima persona; magari non ricorderai neanche di averlo fatto né riuscirai a portare alla mente il momento esatto in cui hai spalancato le ante dell’armadio di legno per nascondere la lettera nella parete, dove c’è quella crepa che si tocca con le mani dietro la pila di maglioni e felpe (spero che quello blu di Praga sia ancora nei tuoi cassetti, perché ha un suo valore significativo). Forse l’azione che ho compiuto in quello che ormai sarebbe il tuo passato, adesso ti apparirà qualche forma di magia ostrogota, eppure permettimi di dirti - o di dirmi, è lo stesso - che sia tutto vero: Davide del 2014 scrisse questa lettera e la nascose nell’armadio, nella speranza che il Davide del futuro, non so di quale anno, la ritrovasse e la rileggesse. Già, si tratta proprio di rileggere, perché l’hai composta tu con le tue mani e la tua mente, sebbene non ricordi o magari l’abbia dimenticato. Non so come spiegarmi, poiché credo di essere sul punto di impazzire a causa di questo motivo e di questa scelta strana che ho deciso di compiere. Tuttavia, ti basti sapere che il mondo di Harry Potter, il nostro mondo, non è diventato ancora realtà e non siamo maghi né esseri con poteri soprannaturali, pertanto questa non è stregoneria.
    O forse sì? Dopotutto, la nostra interpretazione potrebbe valere più di qualsiasi altra teoria scientifica.
    Comunque, passiamo avanti, onde evitare ancora più confusione. Cosa dire, Davide?
    La mia lettera è soltanto un insieme di desideri, speranze e di auguri per te, anzi per noi. Per la nostra persona, che definirei come un vero e proprio “sognatore”. D’altronde, qualsiasi scrittore della nostra portata è un Sognatore con la lettera maiuscola.
    Ricordi il progetto del Blog di Vicky? La nostra migliore amica ideò, insieme ad altre ragazze, questo strano gioco letterario che prevedeva varie prove, prima tra tutte quella di scrivere una lettera ad un sé del passato o del futuro. Io ho scelto il Davide del futuro.
    Perché? Semplice, amico mio. Perché non ho intenzione di cambiare il mio passato, quindi non voglio invitare il me stesso di un tempo a fermarsi prima di compiere qualche sbaglio né voglio prepararlo alle circostanze più negative.
    Sembra tutto così strano e ridicolo, vero? Ti chiedo scusa, ma non posso farne a meno: semplificare qualsiasi passaggio di questo messaggio renderebbe l’insieme ancora più complesso di quanto appaia. E poi, a noi piace decifrare la lettura di un testo: è la nostra capacità, oltre che abilità. Dicevo di non voler cambiare il mio passato, perché mi ha aiutato a crescere.

    (continua nel commento successivo)

    RispondiElimina
  21. Un'altra lettera commuovente ç___ç Se il giorno prima eravamo tutti allegri a tirare la nostra vena poetica beh qui è più serio e si può imparare molto dalle lettere di una persona...

    Ecco la mia :)

    http://gottareadem-all-i-wish.blogspot.com/2014/04/blogger-project-giornata-2.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Quest'iniziativa ha tirato fuori tutti i lati del nostro carattere :3

      Elimina
  22. SECONDA parte della lettera.

    Ogni dolore che abbiamo sperimentato sulla nostra stessa pelle, nel nostro cuore e nella nostra mente, ci ha aiutato a diventare una persona migliore, colta e, soprattutto, vissuta. Con questo termine intendo definirci “vivi”, come uomini che hanno lasciato un segno e che hanno dentro di sé qualcosa che nessun altro potrebbe mai accumulare. Abbiamo sofferto la morte del nostro primo grande amore; qualcuno o qualcosa ce lo ha strappato via dalle mani, portando via anche un enorme fonte di sentimenti puri; siamo stati derubati della nostra persona in un solo giorno: quel maledetto 25 Giugno 2010. Siamo stati sconfitti dal destino? No, ovviamente. Noi non crediamo nel destino, perché altrimenti non dovremmo neanche credere nel libero arbitrio, ma questo è un altro punto sul quale è meglio non soffermarsi. Già risulta essere tutto molto difficile, ecco.
    Eppure, per quanto dolore il nostro cuore abbia sopportato e continui a farlo, scommetto anche in futuro, non dovremmo contattare mai il nostro Io del passato per aiutarlo in qualche modo. Un incidente è un incidente e sarebbe accaduto lo stesso. Forse il tempo della nostra persona era finito o forse c’è qualcosa di più grande e complicato dietro questa storia. Tuttavia, ci ha fatto crescere, anzi maturare.
    Non è un caso se i mesi successivi la nostra mente geniale ha elaborato una storia fantasy davvero incredibile. Così come non è un caso che dopo qualche anno, il romanzo era già pronto. Tutto finito, con tanto di dedica “alla nostra stella” e con tanto di sentimenti traboccanti da ogni pagina.
    Ogni scrittore con la lettera maiuscola è capace di sfruttare le sue sensazioni per le sue storie e noi l’abbiamo fatto. Senza un dolore di quella portata, non avremmo sviluppato un libro di quell’intensità. Con questo, ovviamente, non sto dicendo che ogni male sia da immobilizzare per poi essere analizzato secondo una prospettiva positiva. Il dolore resta e eliminarlo sarebbe fantastico.
    Ma non ci è permesso né sarà permesso al nostro Davide del Passato. E allora, perché non usarlo? Perché non immedesimarsi nell’oblio e nella sofferenza e farci avvolgere da entrambe le situazioni, per poi riplasmarle tra le nostre pagine?
    Anni dopo, anzi di preciso nei mesi successivi, scrivemmo altri due romanzi e adesso, nel mio presente, ne ho in progetto un altro e un altro ancora. Siamo scrittori e il mio augurio principale è che, nel tuo presente, finalmente sarai riconosciuto come un autore degno di nome.
    Magari essere anche bestseller non sarebbe male, chissà. La nostra Vicky diceva: “noi siamo fatti per molto più di tutto questo”, ricordi?
    E ricordi anche che appendemmo quel foglietto scritto a penna e mano dalla nostra migliore amica sulla parete della camera da letto? Mamma mi odia ancora per aver imbrattato le mura della casa con ideogrammi cinesi, fotografie di Lea Michele ed Emma Watson e con citazioni di libri o canzoni varie. Ma se posso darti un consiglio, lascia che i tuoi figli, se ne avrai, possano imbrattare di colori e di scritte la tua dimora: dopotutto, questa è la Vita con la lettera maiuscola. Un altro consiglio è quello di lasciarti cullare dalle tue sensazioni. Per quanto spesso confuse e piene di incertezze, le nostre ipotesi hanno sempre avuto un grande valore in passato e non vedo perché non debbano averne in futuro.
    Segui il tuo unico amore, scegli la persona che più ti farà stare bene e, in particolare, sorridi. Sorridi a qualsiasi aspetto della Vita, perché gli ostacoli di questo mondo sono tantissimi già ora: non oso immaginare nel tuo presente. Il mio suggerimento è di essere te stesso sempre e comunque e, soprattutto, di non farti condizionare dalle opinioni sbagliate e dagli stereotipi del mondo: devi essere chi vuoi che tu sia.

    RispondiElimina
  23. TERZA ed ultima, scusate, parte della lettera.

    Spero con tutto il cuore di essere riuscito a coronare i miei più grandi sogni, perché lo meritavamo, lo meritiamo e lo meriteremo sempre.
    Sembra un po’ che scrivi un tipo superbo, vero? Ma noi non siamo così, lo sai bene.
    Noi crediamo nelle speranze che riusciamo a fabbricare dalle nostre stesse mani. Segui il tuo cuore, il tuo istinto e la tua fiducia.
    Mamma e papà sono fieri di te, anche se spesso il Babbo non ce lo dice. Pensa, ho portato un trenta e lode a casa e mi ha detto: “non basta”, quasi come se esistesse un’altra scala di valutazioni da dover raggiungere. Non cambierà mai, ma a noi sta bene lo stesso.
    E Lu, la nostra mamma, la nostra Chef di prim’ordine, cucina sempre una meraviglia, aumentando di giorno in giorno le varie pietanze.
    Non è colpa mia se siamo grassi, ma sua. Spero che in futuro tu sia più magro, amico. Uno Scrittore deve avere una bella immagine pubblica.
    Riccardo, nostro fratello, seguirà di sicuro la strada di nostra madre e aprirà un ristorante. Nel caso in cui non l’abbia ancora fatto, corri a ricordargli di quando mi fece assaggiare quel dolce al limone, la prima volta che cucinò da solo: era squisito, segno delle sue grandi e forse ancora nascoste qualità. Inoltre, per il sogno di comporre un album musicale sotto lo pseudonimo di David Newel, ci sto lavorando. L’album, intitolato “Pole Star”, come sai, è già pronto e Cesare sta elaborando la musica del primo testo, chiamato “Real Words”. Nel frattempo, io sto spianando la strada su Twitter, sai.
    In futuro sarà tutto incredibile e i nostri talenti saranno riconosciuti, ne sono certo. E se così non fosse, avrai pur sempre lasciato un segno nel mondo, sebbene in piccolo. Come si dice? “Le piccole cose sono quelle che contano per davvero”, o forse erano le “semplici cose”?
    Oh, non importa: licenza poetica, possiamo permettercelo.
    E abbraccia forte quella cara Vicky: è grazie a lei se oggi ti ho scritto una lettera. Ed è grazie a lei se spesso riusciamo a trovare la giusta dose di fiducia che ci manca, soprattutto quando pensiamo ai nostri obbiettivi. Abbiamo sempre avuto sogni difficili da realizzare, ma non importa.
    Lei era, è e sarà –ne sono certo- per sempre la nostra editor assoluta, oltre che la nostra migliore amica e la nostra Ariel.
    Ah, un’ultima cosa, anche se vorrei di sicuro continuare a scriverti: per la questione dell’Ambasciatore, direi che la laurea in cinese e tedesco sia già troppo complicata per aggiungere anche l’arabo. Metti francese, suona meglio. E salutami il futuro imperatore cinese, dato che lavori lì.
    Ops, sbagliavo: Repubblica Popolare Cinese. Bene, come non detto: salutami il futuro presidente.
    Con tutto il mio affetto, il tuo Davide del Passato (o del Presente di quest’oggi, come vuoi interpretarlo).

    Ti voglio bene, Scrittore.

    RispondiElimina
  24. Commovente e anche ironica (cit. "non sposeremo Orlando Bloom" XD). Molto bella, Mel! *__*
    Questa, invece, è la mia: anch'io ho scelto la me del passato ^^
    http://valentinabellettini.blogspot.it/2014/04/blogger-love-project-day-2-mini.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero davvero convinta che avrei sposato Orlando Bloom.
      Ma proprio davvero!

      Elimina
  25. Ma che bella questa lettera Mel (o dovrei chiamarti Vicky? *^* che bel nome che c'hai!) i consigli sui capelli e sul corpo etc... fantastici :'D
    Ora che mi ci fai pensare nella mia avrei dovuto scrivere una roba tipo "stupida scema, non hai nessun chilo di troppo adesso v.v in futuro ne avrai qualcuno e poi lo perderai, ma adesso stai benissimo così e manco te ne accorgi" -_- no comment su sta cosa ahahah XD queste frasi già dicono tutto LOL
    Avrei voluto anche io farcire la mia con "quel giorno fai così e non fare colà" ma me lo sono evitato o avrei scritto proprio un romanzo a parte LOL e avrei finito col deprimere tutti D: meglio di no!
    E poi... dai v.v per Orlando Bloom c'è ancora speranza, no? v.v
    La mia letterina la trovi qui :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orlando Bloom e io siamo destinati u_u
      Grazie, Deni ♥

      Elimina
  26. La tua è davvero commovente!

    Cara Ninfa del 2004,
    so che non te la cavi molto bene in questo periodo, le scuole che stai frequentando sono dure ed avere quei compagni di classe non è molto facile, ma resisti, non dargli soddisfazione, non mollare! Cerca di non piangere quando non devi.
    Vorrei dirti che troverai delle amiche per la vita, ma non è così o almeno a me ancora non è successo.
    Smettila di bagnare il cuscino di lacrime tutte le notti e pensa a sorridere di più, non confrontarti con la persona che noi sappiamo, non è salutare né per il tuo cervello, né per il tuo cuore.
    Cerca di avvicinarti ancora di più alla lettura, ti aprirà uno spiraglio quando tutto ti sembrerà grigio.
    Nel 2007 legherai con delle persone, ma non fidarti fino in fondo di loro, potrebbero tradirti.
    Riguardo la scuola...studia di più! E, soprattutto, non concentrarti solo su matematica, ma anche sull'inglese. So che in questo momento ti sembra inutile, ma, fidati, non lo è.
    Con affetto,
    la Ninfa del futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bella! :)
      Ti auguro buona fortuna per tutto, Ninfa!

      Elimina
  27. Cara me stessa del futuro,
    spero la lettura sia ancora il tuo grande amore e che finalmente ti sia decisa a leggere più spesso in lingua e che le trovi più facile (sarebbe anche ora!)
    Mi piacerebbe anche che avessi trovato finalmente il tempo per dedicarti con costanza al mondo della blogosfera e perché no, magari aver finalmente trovato il coraggio per aprire un blog tutto tuo!
    In ogni caso finché la lettura farà parte della nostra vita sono sicura che avremo sempre un nostro spazio di felicità

    RispondiElimina
  28. E no, ora basta! con queste lettere mi state tutte facendo piangere >.<
    Siete delle poetesse, e le vostre parole mi arrivano dritte al cuore :')
    Un abbraccio a Vicky :-**

    RispondiElimina
  29. Che cosa carinaaa :3 Io alla mia 'piccola io' darei tanti schiaffi che forse non arriverebbe all'età adulta x°D Ma alla fine errori e dolori ci rendono più forti, spacchiamo il mondo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah anche io avrei usato un approccio un po' più ehm... carnale.
      Ma alla fine è verissimo: sono tutte queste cose che vorremmo cancellare che ci rendono quello che siamo! :)

      Elimina