sabato 28 novembre 2015

Recensione | La Stagione della Falce - Samantha Shannon

Buon sabato a tutti, lettori!
Evviva il weekend. Ho avuto una settimana piuttosto pesante e oggi pomeriggio, visto che non lavoro, mi toccherà studiare. Stasera, però, mi procurerò una quantità immane di cibo spazzatura e recupererò parte delle serie tv arretrate. Solo a pensarci mi sento meglio.
Comuuuunque, oggi vi propongo la recensione di un libro che ho letteralmente adorato e che credo meriti di essere letto. Ma proprio tanto.


La Stagione della falce: la sognatrice errante
SAMANTHA SHANNON 

The Bone Season #1


 Salani ▲ Rilegato 516 pagine ▲ 16,80 € 

TRAMA: « Londra, 2059. Paige Mahoney, diciannove anni, è una sognatrice errante, una chiaroveggente e, nel suo mondo, Scion, commette tradimento semplicemente respirando. È per questo che lavora in segreto in una piccola cosca criminale alle dipendenze di un uomo di nome Jaxon Hall. Il suo compito: monitorare l'attività eterica della sua sezione per controllare gli altri veggenti. Ma in un giorno di pioggia la sua vita cambia per sempre. In seguito a un'improvvisa ispezione su un treno, Paige scopre di avere dei poteri molto superiori a quelli di una comune veggente. Aggredita, drogata e rapita, viene trasportata nella perduta Oxford, una città tenuta segreta per duecento anni, controllata dalla potente e spietata razza dei Refaim. Paige viene assegnata a un Decano, un Ref di una bellezza indecifrabile e terribile, e dai piani misteriosi. Lui è il suo padrone. Il suo allenatore. Il suo nemico naturale. Ma è anche l'unico che può insegnare a Paige come sopravvivere in questa prigione, dove altrimenti sarebbe destinata a morire... Un racconto di coraggio, eroismo e amore fuori dagli schemi: un'avventura verso la libertà e l'indipendenza. »


Chiunque sia un amante del fantasy mi può capire, quando dico che negli ultimi anni è maledettamente difficile trovare un romanzo del genere che riesca a soddisfare a pieno le mie aspettative. Ok, tutto è stato già scritto, non è importante avere una trama originalissima se gli elementi del genere vengono sfruttati per bene e blablabla. Ok. Sono d'accordo, infatti io e la mia frustrazione, di solito, non diamo fastidio a nessuno (a parte a voi che leggete le mie recensioni, ma qui non posso farci niente. Su, un po' ve lo cercate).
Ma... questo libro. QUESTO. LIBRO.
Come diavolo è possibile che se ne parli così poco? Sulla blogosfera ci saranno al massimo quattro recensioni e io non riesco a capacitarmene. Tutti gli amanti del fantasy dovrebbero leggerlo, tutti tutti tutti dovrebbero leggerlo. E ora vi spiego perché.

Ci troviamo in una sorta di universo alternativo al nostro, in cui una fascia di persone con una sensibilità particolare sono in grado di comunicare con l'Etere, il mondo degli spiriti. Questa loro peculiarità è proibita in molte città europee e a Londra, dove si ambienta la nostra storia, i veggenti sono perseguiti dalla legge. Paige ha diciassette anni ed è una sognatrice errante: oltre a mettersi in contatto con l'Etere, ha la capacità di far muovere il suo spirito indipendentemente dal suo corpo. Il suo potere è straordinario anche per coloro che vivono il fuori dal comune come quotidianità. Ben presto, Paige si ritrova a lavorare per la Cosca, un'organizzazione criminale della zona, che la utilizza per controllare i movimenti dell'etere. Questo è il punto di partenza del romanzo e io non ho intenzione di dirvi una parola di più riguardo alla trama, sia perché il rischio spoiler è particolarmente elevato, sia perché è difficile parlarne senza banalizzarla.
LA STAGIONE DELLA FALCE fonde gli elementi classici del genere (l'eroina, la lotta tra il bene e il male, il cattivo della situazione) con altri completamente innovativi, che vengono sfruttati in modo magistrale.

All'inizio la narrazione è un po' lenta, perché l'autrice si sofferma nel presentarci Paige nella sua quotidianità. Personalmente, questa è una delle cose che preferisco, perché adoro conoscere un personaggio grazie alle sue abitudini e ai gesti che compie, piuttosto che grazie ad una sfilza sequenziale di aggettivi. La parte iniziale ci dà anche la possibilità di familiarizzare con la classe dei veggenti, piazzati tra le pagine come fossero figure che incontriamo abitualmente al supermercato. (Alla fine del libro c'è un praticissimo glossario, ma io ovviamente me ne sono accorta - appunto - AL TERMINE DELLA LETTURA).
Una volta che la storia ingrana, però, ci si è abituati a tal punto a quei personaggi, alle loro particolarità e al mondo messo in piedi dalla Shannon che glossario? Ma quale glossario?
La caratterizzazione dei personaggi, insieme allo stile ricco e curato, è uno dei punti forti di questo romanzo. La protagonista, gli antagonisti, le comparse... tutti vivono a 360°, che siano presenti per tutto il libro o che occupino solo lo spazio di un capitolo.
Infine, l'originalità. L'universo dalla Shannon abbatte tutti gli stereotipi della narrativa degli ultimi anni, proponendo finalmente qualcosa di nuovo e interessante.
Visto che ho scritto un papiro, potrete aver intuito quanto mi sia piaciuto questo libro, quanto non veda l'ora di avere tra le mani il seguito e quanto, soprattutto, consigli a tutti voi di leggerlo!

Credo che questo sia uno degli ultimi libri davvero belli che mi restava da recensire (ve l'ho detto che ho avuto cattivo giudizio nelle letture...). Non sono sicura, ma comunque vi toccherà aspettarvi qualche recensione piuttosto esasperata.
Also, girate tra questi lidi, perché siamo quasi a Dicembre e voi sapete quanto a me piaccia il Natale...

Un bacio!

21 commenti:

  1. Oramai è deciso: sarà uno dei prossimi libri che chiederò quando andrò in libreria. Effettivamente non ho visto molte recensioni al riguardo di questo libro, il che era un peccato dato che volevo leggere qualche parere in più del solito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa cosa anche io. Alla fine l'ho comprato praticamente a scatola chiusa sul sito del Libraccio ed è stato un enorme colpo di fortuna!
      Spero proprio possa piacerti *-*

      Elimina
  2. Segnato "Da leggere assolutamente" e anche da comprare come regalo per un'amica lettrice.
    Mel, mi hai salvato la vita =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *_______* ne sono felice!
      Spero davvero che piaccia ad entrambe!

      Elimina
  3. Sembra davvero imperdibile *^*
    Di libri molto originali a tema sogni ci sono anche La falce dei cieli di Ursula LeGuin e La Luna che uccide di N.K. Jemisin :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è, Kate! Penso proprio potrebbe piacerti!
      Quello della LeGuin lo conosco per sentito dire, l'altro finisce in wishlist *-*

      Elimina
  4. Mi ispira e mi hai incuriosita non poco...ci devo fare un pensierino, ho capito!

    RispondiElimina
  5. Ho amato tantissimo questo libro! *^* davvero unico ed originale!!
    Se ti può consolare anche io ho scoperto il glossario solo a tarda lettura ahah x'D diciamo che messo a fine libro non è proprio un'ottima soluzione .-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per far sì che fosse davvero utile, avrebbero dovuto renderlo una specie di opuscoletto consultabile durante la lettura, come fanno con le mappe che possono staccarsi dal libro.
      Però alla fine si legge comunque anche senza *-*

      Elimina
  6. Io l'ho in wishlist da un milione di anni e ancora devo decidermi a leggerlo. Non che ne abbia il tempo, comunque...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari, approfitta delle vacanze di Natale e dagli una possibilità *-*

      Elimina
  7. Io l'ho letto e recensito a inizio anno mi pare, l'ho adorato! :3 hai ragione, se ne parla poco in giro ed è un peccato. Attendo con ansia il seguito, ho fiducia nella salani!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti penso che la tua sia stata l'unica recensione che avevo visto in giro, senza dovermele andare a cercare.
      Anche io credo che la Salani non ci lascerà a bocca asciutta *-*

      Elimina
  8. Non lo conoscevo, ma sembra davvero bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facci un pensierino, Ile *-* è proprio bello!

      Elimina
  9. Devo ancora leggerlo, ma mi attira come non mai! Spero di leggerlo in questo Natale.. *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *-* spero proprio ti piaccia, Franci!

      Elimina
  10. Hai proprio ragione, ultimamente trovare un libro fantasy che non sia scontato e banale è cosa più unica che rara v.v
    Questo mi è stato regalato a Natale l'anno scorso da un cara amica :3 lo avevo messo in wishlist perché mi era arrivata voce che fosse davvero bello... però come te, ne ho sentito parlare pochissimo in giro! La tua recensione ha riacceso il mio interesse *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti incuriosita, Deni *-* secondo me può piacerti!

      Elimina
  11. Ho AMATO questo romanzo. Se la Salani non mi pubblica i seguiti faccio irruzione in sede di CE con l'ascia di Gimli e li faccio tutti a pezzi. (Adesso gli mando per e-mail lo screen di questo commento. Giusto per avvisarli.)
    L'ho recensito anche io e la prima cosa che ho detto è stata "RAGA C'E' UN GLOSSARIO" (magari in toni più pacati, non ricordo :P) proprio perché anche io come te me ne sono accorta a fine lettura XD

    RispondiElimina