venerdì 3 gennaio 2014

Fangirl Friday #8 - Harry Potter

Buonciao, bellissimi!
Come stanno procedendo questi primi giorni del 2014?
Spero bene. Infatti, vi auguro un anno TOTALLY AWESOME!
HAPPY NEW YEAR!

Anyway, oggi è venerdì e sappiamo tutti cosa ciò significhi.
FANGIRL FRIDAY!
Io e la mia socia, però, abbiamo riflettuto: questo è il primo Fangirl Friday dell'anno, quindi ci sembrava giusto iniziare con qualcosa che ci sta particolarmente a cuore, qualcosa su cui fangirliamo da secoli e su cui sempre fangirleremo.
Lasciate ogni speranza, o voi che vedete questo banner.

Harry Potter è una delle saghe più famose del mondo, non c'è bisogno che ve lo diciamo noi, certo. Però ci sembra giusto darvi qualche nozione, nel caso in cui vi sentiste in umore da sopportare i nostri sproloqui alla SuperQuark.
Perché noi diamo per scontato che voi sappiate tutto quello che stiamo per scrivere.
Perché, se non lo sapete...be', potrebbe già esserci una di noi due alle vostre spalle, brandendo un randello con aria omicida.
Ma siamo sicure che ciò non si renderà necessario :D



Dicevamo, Harry Potter nacque dalla mente di una giovane donna scozzese, Joanne Rowling che, nel 1990, mentre era su un treno che la portava da Manchester a Londra, osservando delle mucche dal finestrino, ebbe una brillante idea per una storia: scrivere di un ragazzino che non sapesse chi o cosa fosse e che si rivelasse essere un mago.
Quando Joanne Rowling scese da quel treno, aveva già delineato la storia del primo libro a grandi linee.
Nel 1995, Harry Potter e la Pietra Filosofale era concluso. Joanne Rowling si cercò un agente che la aiutasse con la pubblicazione. Christopher Little accettò di rappresentarla e mandò il manoscritto alla Bloomsbury. Nel 1997 il libro fu pubblicato. A Joanne fu chiesto di firmarsi con le sole iniziali del nome (per renderlo più neutrale) e le venne chiesto di scegliersi un secondo nome per rendere il tutto più musicale. Lei scelse Kathleen, il nome di sua nonna.

La genesi di un mito.
I numeri possono solo darvi un'idea dell'immenso successo e impatto culturale che questa saga ha avuto su tutto il mondo: in totale la saga ha venduto più di 400 milioni di copie, rendendo J.K. Rowling la donna più ricca della Gran Bretagna (ora non lo è più, perché ha dato molto in beneficenza, santa donna) (si nota molto che la VENERO?)
aaasdfsfoas PREGO!

Non voglio starmene qui a elencarvi i premi e i riconoscimenti che Harry ha ricevuto nel tempo (in ambito letterario come per le trasposizioni cinematografiche). Ci sono state anche tante critiche. Harry è stato definito banale, pieno di cliché e scritto senza uno stile (Harold Bloom); è stato dichiarato inadatto ai bambini per varie ragioni; è stato visto come bigotto ( Anthony Holden). Il Papa ha addirittura detto che Harry Potter allontanerebbe i giovani cristiani dalla Chiesa.
...Forse mi sarò persa il messaggio satanico nascosto tra le righe dalla Rowling. Forse ero troppo distratta dalle massime sull'importanza dell'amore universale sparse per i vari libri manco fossero margheritine.

Commenti a parte, passiamo alle 7 ragioni per cui Harry Potter dovrebbe essere sugli scaffali di ogni essere vivente.

1. Lo stile.
Non stiamo parlando di uno stile particolarmente poetico o artistico. Se dovessi ricollegare un'immagine allo stile della Rowling, non sarebbe un bel ghirigoro.
Secondo me, sarebbe un quadrato.
Non molto incoraggiante o lusinghiero, ma non ho un modo migliore per definirlo. E' uno stile misurato, semplice, ma curato. E' come guardare un disegno fatto da qualcuno che ha un evidente talento artistico. J.K. Rowling ha la mano della scrittrice. E' palese che non le costa fatica scrivere qualcosa di bello. Ha una perfetta padronanza delle parole, sa come piegarle al suo volere, senza costringerle.
In più, il grande pregio dello stile della Rowling è quello di crescere, maturare, insieme al suo protagonista. Non ci dimentichiamo che i libri sono scritti dal punto di vista di Harry. La maturazione dello stile ci aiuta ad avere la sensazione di essere effettivamente nella testa di Harry.

2. I personaggi.
C'è una varietà così immensa di personaggi in Harry Potter che staremmo qui a parlarne per sempre. Sono così tanti che raramente si ci sofferma sul protagonista (povero bistrattato Harry!), anche perché sono tutti estremamente interessanti. Ron, per esempio, è uno dei personaggi più realistici che io abbia mai letto. Ci sono momenti in cui lo vorresti come migliore amico e altri in cui ti sta un po' sulle scatole, esattamente come una persona vera. O, tanto per portare l'esempio di uno dei miei personaggi preferiti: Sirius. E' sfortunato ai limiti della sopportazione, non si può non amarlo.

3.L'estrema cura nei particolari.
Il mondo della Rowling è descritto con una tale minuzia di particolari che ti viene il dubbio che in realtà sia un mondo vero, che esiste da qualche parte. E non parlo solo dei luoghi. Parlo dell'organizzazione della società, della scuola, dell'incredibile intelligenza nel sistema degli incantesimi. Tutto atto a dare la sensazione di essere effettivamente lì. La Rowling ci ha descritto per forza un mondo che esiste, non può essersi inventata tutto!





4. Il messaggio e i temi.
Ne ho già fatto cenno in questo post, il che dimostra quanto importante sia il tema dell'amore in Harry Potter. Silente sembra quasi una specie di hippy, pronto ad attorcigliare i fiori attorno alle bacchette. L'amore è in tutte le sue varietà: l'amore materno, l'amore per i fratelli, per gli amici, l'amore romantico. J.K si è servita della sua storia per dimostrare il potere dell'amore che, infine, sconfigge anche la morte. (Checché ne dica il papa, penso che questo sia il messaggio più bello e universale che si possa immaginare.).
celebrato come un valore assoluto nella saga,
L'insegnamento che si può trarre da questi libri passa dalla celebrazione anche di altri valori: l'amicizia, la lealtà, il coraggio. C'è da imparare da tutti i personaggi e da tutte le situazioni.

5. La trama e l'intreccio.
Mi sembra quasi di affermare l'ovvio dicendovi che la trama di questa saga è assolutamente geniale. Certo, l'idea di fondo non può essere definita straordinariamente originale, ma non è quella che rende Harry tanto speciale. Il modo in cui la storia è stata sviluppata ha richiesto anni e anni di lavoro e, a conti fatti, quando tutti i pezzettini vanno al loro posto, si può contemplare un quadro straordinariamente curato. Nulla, NULLA, è lasciato al caso (forse solo qualche questione sull'età dei fratelli Weasley, ma è noto che i numeri non sono il forte della Rowling). Chi ha letto sa che non si può saltare nulla, mentre si legge Harry Potter. Tutti i tasselli sono importanti e vengono presentati a tempo debito con estrema naturalezza, il che aiuta a rendere la storia più vera. Non si sente lo sforzo di far coincidere i pezzi. Tutto è incastrato alla perfezione.

6. Ogni volta è una nuova lettura.
Ho già detto che lo stile matura assieme al protagonista, ma non è tutto: questi libri si adattano al lettore.
Ecco perché si dice che siano adatti a qualsiasi tipo di pubblico. La saga di Harry ha il potere di riflettere la persona che sta leggendo il libro. Io ho potuto constatarlo. Ho letto la prima volta Harry Potter e la Pietra Filosofale a undici anni. Ogni volta che lo rileggo, ci trovo qualcosa che prima non avevo notato. Mi rendo perfettamente conto che è perché è cambiato il mio modo di vedere le cose, perché sono cresciuta, ma, se volessi leggerlo per sentirmi di nuovo una ragazzina di undici anni, ci riuscirei senza sforzo.

7. Ha cambiato il mondo dell'editoria.
No, non sto esagerando, ma ora mi spiego. Premetto che questa è un'opinione strettamente personale che siete liberissimi di non condividere.
Secondo me, Harry Potter ha cambiato il mondo editoriale perché ha aperto alla lettura un'intera generazione. Non voglio dire che prima non ci fossero persone che leggessero, ma che molti sono stati iniziati alla lettura grazie a Harry. Così si è creata quella che a me piace chiamare "generazione Potterhead". Tutti quelli che da Harry in poi sono diventati avidi lettori e che, secondo me, costituiscono una grossa fetta del pubblico editoriale. Di nuovo, non ho le prove statistiche per quello che affermo, ma a me sembra che l'editoria di oggi si stia adattando alle esigenze della generazione Potterhead che è cresciuta. Come è nato l'urban fantasy? Dalla necessità della generazione Potterhead di avere ancora una componente fantasy in un libro che avesse un po' più di sessualità. Seguendo l'evoluzione e abbandonando man mano il fanrasy, ecco che nascono lo Young Adult e il New Adult (ipotesi azzardata, lo so).
Insomma, si può negare che Harry Potter ci sia piaciuto, si può dire che non ci ha colpiti, si può dire che è banale, che non è all'altezza dei grandi fantasy del passato a cui spesso viene comparato, ma non si può negare che sia stato un fenomeno mondiale di proporzioni gigantesche. Non si può negare che, almeno un po', abbia cambiato il mondo.

E' finita, giuro.
Potrei stare qui a blaterare su questa saga per sempre. Ha significato davvero moltissimo, sia per me che per Mel.

Non è per niente carino da parte tua, Ron.

Ora, tocca a voi. Cosa ne pensate voi del nostro beneamato Harry?
Let me know!

33 commenti:

  1. Condivido pienamente!
    Io qualche mese fa ho visto un video in cui dicevano che la Rowling fosse una dei più grandi satanisti al mondo bla bla bla
    ma io dico, perché devono trovare sempre secondi fini? Una non può scrivere solo perché ama farlo!? Mah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bah, guarda. Compatisco tantissimo la gente che si sforza di trovare questi significati reconditi. Un po' come quelli che ascoltavano le canzoni dei Beatles al contrario per trovarci messaggi dentro. Ringo Starr disse "Le nostre canzoni parlano di amore. Se la gente le ascoltasse nel verso giusto, se ne accorgerebbe." Così si perdono il meglio u.u

      Elimina
  2. *LOOOOVEEEEE*
    Post meraviglioso che esprime un po' quello che tutti noi lettori e lettrici cresciuti con questa saga proviamo nei suoi confronti =D

    RispondiElimina
  3. Ok mi paleso! E' da qualche settimana che seguo il vostro blog, ormai è diventato un appuntamento fisso della sera <3
    Dunque tra me e Harry non fu subito amore, lo schifai ampiamente per parecchio tempo finché un giorno non mi sono decisa, di punto in bianco, di dargli una possibilità. Fu amore totale. La saga non era ancora conclusa, nonostante fosse iniziata da tempo, così ho avuto modo anche io di attendere con trepidazione l'uscita dei vari volumi e delle trasposizioni cinematografiche.
    Anches se... i film non mi hanno entusiasmato come i libri, a parte il terzo che tra tutti è quello che mi è piaciuto di più.
    Non sempre si può andare d'accordo con il punto di vista di un regista, e il fatto che non ci sia stato sempre e solo un regista ha aiutato ancora meno XD
    Ma sia chiaro che li ho tutti e sette e li ho riguardati parecchie volte.
    Un amore travagliato il nostro XD
    Comunque l'amore sconfinato per la saga mi ha spinta a recuperarmi la serie in inglese nonostante io sia una schiappa totale e...in giapponese...non che lo parli meglio. Follia allo stato puro, per questo eviterò di scrivere che ho preso un lettore blu ray solo per potermi comprare il cofanetto e vedermi i primi 5 film anche in giapponese...
    Ecco io non l'ho scritto U_U
    Di Harry Potter mi piace proprio l'interezza del mondo che J. K. Rowling ha saputo creare, c'è tutto ma proprio tutto. Forse non sarà originalissimo, anche se paragonarlo ai grandi fantasy del passato mi pare un po' un azzardo, HP è un mondo a sè.
    Arrivare al termine dell'ultimo volume e sapere che con quell'ultima pagina finiva tutto è stato difficile d'affrontare. Mi sembrava di aver perso un amico.
    Niente più attese per l'uscita del prossimo libro, l'ansia di non incappare negli spoilers, l'attesa dell'uscita del film, andare al cinema con la mia migliore amica e decidere senza pietà cosa non andava ma allo stesso tempo darsi appuntamento per il prossimo film e condividere l'attesa. Insomma sono state tante le cose che HP mi ha regalato <3
    In ultimo visto l'amore che nutro per la saga ho deciso di leggerlo anche in versione riveduta e corretta nonostante sia stata bocciata da tutti, compresa la mia migliore amica e la sottoscritta che per partito preso nei confronti di un ripristino dei nomi fatto a metà avevo messo la nuova versione nella lista nera XD
    Ma siccome non so cosa sia la coerenza, e dopo la lettura di un libro interessante sulla traduzione di HP ho deciso che dovevo leggere anche questa nuova versione.
    Ecco ho finito questo commento sconclusionato e torno di nuovo nell'ombra....
    XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie per esserti palesata *_* (e per aver scritto un commento che fa impallidire il mio post. Adoro i commenti lunghissimi *________*)
      E' bello leggere le storie di altri lettori nei confronti della saga ** la tua, in particolare, somiglia un po' all'approccio che ho avuto io nei confronti del Signore degli Anelli XD per qualche ragione, l'ho odiato, all'inizio.
      Comunque, mi trovo d'accordissimo con te sui film. I miei preferiti sono il primo e il secondo ( perché sono i più fedeli ai libri) e il terzo (il cui valore artistico è innegabile).
      Condivido anche tutte le follie che hai fatto per Harry *_* questo ed altro per lui! Anche se io credo che aspetterò ancora prima di avvicinarmi alla nuova traduzione XD Nonostante abbia sorpassato il primo momento di astio, non sono ancora pronta XDD
      Non tornare nell'ombra *_____* resta in amicizia. LUMOS!

      Elimina
    2. Io invece Il Signore degli Anelli l'ho amato sin da subito, quando ancora l'unica cosa che c'era a disposizione era la versione animata che per errore ogni tanto davano in tv a Natale, il libro era introvabile e il tutto sembrava tanto una ricerca del Santo Graal... Ricordo ancora con dolore il giorno che ragazza squattrinata avevo trovato una vecchia edizione del Signore degli Anelli su una bancarella in fiera e paTre non finanziò l'acquisto... Portai il lutto per giorni e dovetti attendere anni e anni prima che Peter Jackson annunciasse al mondo la sua intenzione di farne una trilogia e Santo Marketing spingesse la Bompiani a ristamparlo U_U
      Al momento invece ho deciso di punto in bianco che devo leggere Una serie di sfortunati eventi.... E per essere in linea con la lettura la ricerca si sta rivelando parecchio infausta >_< XD

      Elimina
  4. Parlate con una Potterhead doc, non potrei essere più d'accordo con i vostri fangirlamenti! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *_____* I know, i know.
      Ecco perché è bello fangirlare tutti insieme. *O*

      Elimina
  5. Non ci crederai, ma ho gli occhi lucidi!! Anche per me la saga di Harry Potter significa moltissimo, anche se devo confessare che, per varie ragioni, ho avuto la possibilità di leggerne i libri solo dopo aver visto tutti i film..e questo sarà forse per sempre uno dei miei più grandi rimpianti da lettrice!!
    Però, come dicevo, per me è importantissima, tanto che ogni volta che parlo di Harry Potter e della Rowling sono presa da una specie di venerazione/aria sognante/commozione!!*-*
    Se non avessi già avuto intenzione di rileggere tutti i libri quest'anno, dopo aver letto questo post l'avrei immediatamente aggiunto tra i miei propositi....condivido ogni singola parola di quanto hai scritto!! :D
    E ora...*corre ad abbracciare i suoi bambini con orgoglio e aria sognante*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AAAAAAAW! *_* Grazie!
      Anche io li rileggerò quest'anno. In sequenza. E' una cosa che non ho mai fatto. E' arrivato il momento di sopperire a questa mancanza.
      *Va ad accendere una candela all'altarino dedicato a Harry*

      Elimina
  6. Sono d'accordo su tutto, anche per quanto riguarda l'editoria. Personalmente Harry Potter mi ha spinto a diventare la lettrice che sono (e sempre di più la persona che vorrei essere).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' esattamente quello che intendevo. E' la stessa cosa per me e per la maggior parte dei potterhead, credo. Questa saga ha un potere incredibile **

      Elimina
  7. E' la presentazione della saga di Harry Potter più bella che io abbia mai letto *.* Concordo con tutto :D Soprattutto sul fatto che Ron sembra una persona vera, a tutti gli effetti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu. Questo commento. AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAW! *_*
      Grazie grazie grazie. Sto ancora andando in giro per casa saltellando e ripetendo "Ho scritto una bella presentazione di Harryyy ho scritto una bella presentazione di Harryyyy! " ** YOU MADE MY DAY.

      Elimina
  8. Awwww mi unisco a questo fangirling *A*
    Quando amo questa saga! Non ce ne sarà mai un'altra che mi segnerà così tanto :'D io AMO la Rowling e altro che 7 motivi... secondo me a metterci d'impegno potremo trovarne... 70 o 700 o 700 XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultimo voleva essere un 7000 U.U

      Elimina
    2. In effetti è stato un po' complicato sintetizzare tanto XDD hai ragione, la lista è MOLTO più lunga.
      Ma 7 è un numero troppo potente :3

      Elimina
  9. Mel, Mys vi ho citate qua:
    http://someonewhosreading.blogspot.it/2014/01/tag-del-giorno-thank-you.html

    RispondiElimina
  10. Non so se lo sapevi, ma la Rowling ha preso per così dire ispirazione dalla propria vita. Nel senso che i libri di Harry Potter sono molto influenzati dalle sue vicende personali.
    Ad esempio, ha dichiarato in una intervista che l'idea per i dissennatori le è venuta dalla depressione di cui ha sofferto. Credo sia conseguenza naturale che abbia messo tanto amore nei libri di Harry Potter. Persino Stephen King, se non ricordo male, suggeriva di leggere i libri di Harry Potter nel suo On Writing, quindi devono avere un certo valore letterario.

    Io sto cercando in tutti i modi di evitare i film di Harry Potter come anche quelli tratti dai libri di Tolkien, voglio leggere prima i libri. Spero in questa vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sapevo che la Rowling ha messo molto della sua vita nei libri. Ci sono molti altri esempi, ma non te li citerò, così non ti rovino la lettura.
      Ti auguro fortemente di riuscire a leggere questi libri. :)

      Elimina
  11. :')
    Un bellissimo post.
    L'ha cambiato sì il mondo il nostro Harry Potter <3
    Ha cambiato tutti noi :')
    *stringiamociforte*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *abbraccio universale Potterhead*
      Quanto è vero! *_*

      Elimina
  12. My first love *__* Harry Harry Harry Harry <3 Bellissimo post tesoro, magnifico *__* sei una grande! ghuintfgqiowfhrseiguju3uhg :O Condivido ogni singola parola che hai usato e sì Harry Potter mi ha cambiato la vita ed è stato il mio migliore amico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gioooo! **
      Un giorno, presto, ci ritroveremo per fangirlare di persona insieme su Harry.
      Allora, il mondo avrà un problema di isteria *_________*

      Elimina
  13. Ma sai, Harry Potter all'inizio non mi prese molto...non so come mai! Poi verso i dodici-tredici anni mi decisi a rileggere il primo libro e da allora non ho più smesso *_* ogni anno nel periodo di Natale ne rileggo uno (quest'anno La camera dei segreti) e OGNI anno provo la stessa emozione di quando lo lessi la prima volta. Forse la Rowling qualche magia è riuscita davvero a farla :P

    Un bacio
    Teensy

    RispondiElimina
  14. anche io stra-amo harry potter!

    da qualche parte avevo letto che la grandezza della rowling stava nell'essere riuscita a far sentire la nostalgia di un posto che nemmeno esiste... e concordo pienamente!!!

    RispondiElimina
  15. Commento ora, perché pian piano sto recuperando tutto quello che mi sono persa! Inutile dire quanto la saga di HP sia al centro del mio mondo, lo sapete.. (ci siamo conosciute grazie ad Harry <3)
    Comunque sono pienamente d'accordo col punto 7, perché effettivamente anch'io sono una di quelle che ha iniziato a divorare i libri dopo Harry Potter, prima leggere non mi sembrava una cosa così interessante da fare, ora non c'è un giorno in cui sto senza leggere! Per farvi capire da metà agosto ad ora ho iniziato a segnarmi il numero di libri che leggo per sapere in un anno di cosa sono capace con la mia follia ahah beh, ieri notte sono arrivata a ben 72 libri, direi che non è poco ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps: Hogwarts esiste, e un giorno la troverò v.v

      Elimina