martedì 3 settembre 2013

Recensione | Red - Kerstin Gier

Buon pomeriggio a tutti!
Ricordate il discorso sulla routine da riprendere? Ecco, dimenticatelo, perché non ho proprio voglia di ricominciare.
Solo il pensiero di dovermi dedicare a libroni, appunti e slides mi fa venire voglia di rintanarmi sotto le coperte e non mettere più piede fuori di casa.
Che depressione.
Maaaaa non siamo qui per parlare di questo, vero? Perciò, poche chiacchiere e dedichiamoci a Red di Kerstin Gier!

Red
KERSTIN GIER 

Trilogia delle Gemme #1


 Corbaccio ▲ Brossura 329 pagine ▲ 11 € 

TRAMA: « Per l'amica Leslie, Gwendolyn è una ragazza fortunata: quanti possono dire di abitare in un palazzo antico nel cuore di Londra, pieno di saloni, quadri e passaggi segreti? E quanti, fra gli studenti della Saint Lennox High School, possono vantare una famiglia altrettanto speciale, che da una generazione all'altra si tramanda poteri misteriosi? Eppure Gwen non ne è affatto convinta. Da quando, a causa della morte del padre, si è trasferita con la mamma e i fratelli in quella casa, la sua vita le sembra sensibilmente peggiorata. La nonna, Lady Arisa, comanda tutti a bacchetta con piglio da nobildonna e con l'aiuto dell'inquietante maggiordomo Mr Bernhard, e zia Glenda considera lei, Gwen, una ragazzina superficiale e certamente non all'altezza del nome dei Montrose. E poi c'è Charlotte, sua cugina: capelli rossi, aggraziata, bravissima a scuola e con un sorriso da Monna Lisa. È lei la prescelta, colei che dalla nascita è stata addestrata per il grande giorno in cui compirà il primo salto nel passato. Charlotte si dà un sacco di arie, ma Gwen proprio non la invidia: sa bene che si tratta di una missione pericolosissima non solo per la sua famiglia ma per l'umanità intera, e da cui potrebbe non esserci ritorno. E non importa se Charlotte non viaggerà sola ma sarà accompagnata da un altro prescelto, Gideon de Villiers, occhi verdi e sorriso sprezzante... Gwen non vorrebbe davvero trovarsi al suo posto. Per nulla al mondo.. »


Il mio approccio con questo libro è stato estremamente fiducioso: molte di voi me ne avevano consigliato la lettura e, devo ammetterlo, non me ne sono pentita.
Ho divorato l'intera trilogia in quattro giorni, riuscendo a leggere solo la sera e facendo le ore piccole accanto al mio Kindle, pur di non abbandonare la storia.


La nostra protagonista si chiama Gwendolyn ed è, apparentemente, una ragazza normalissima: quasi anonima, va a scuola, si ingozza di biscotti al cioccolato, guarda DVD su DVD in compagnia di Leslie, la sua migliore amica.

Peccato che Gwen non solo sia in grado di vedere e comunicare con fantasmi di vario genere, ma faccia anche parte di una famiglia che tramanda in linea femminile un particolarissimo gene, che consente all'interessato di poter viaggiare nel tempo.
Tutti lo considerano una gran cosa, ma Gwen crede sia solo un'enorme scocciatura. Perciò, è felice che questo grande suicidio onore (?) sia toccato a sua cugina Charlotte, che quindi si è vista privare della sua infanzia per prendere lezioni e prepararsi al suo primo salto nel tempo. Così, mentre tutti ricoprono Charlotte di attenzioni e le girano intorno in attesa di vederla sparire, Gwen improvvisamente si ritrova nel bel mezzo della Londra vittoriana.
Le carte in tavola vengono riordinate e un po' di segreti salgono a galla: non è Charlotte la gene portatrice, ma è Gwen ad aver ereditato questo dono.
A questo punto, la ragazza è costretta a farsi carico di tutte quelle responsabilità per le quali sua cugina era stata duramente addestrata: si ritrova non solo completamente impreparata, ma anche circondata da persone che non fanno altro che farla sentire inappropriata e fuori luogo.
Gwen non si lascia buttare giù e si impegna a portare a termine i compiti che le vengono affidati, nonostante una buona dose di paura ed insicurezza. Ad ingarbugliare le cose, come al solito, ci pensa la presenza maschile della situazione: Gideon De Villiers, rampollo della famiglia che tramanda il gene lungo la linea maschile, ovviamente attraente e magnetico.
Il punto forte della vicenda non è questo, anzi! In Red la Gier costruisce le fondamenta della storia vera e propria, che si snoderà nel corso dell'intera trilogia, e che, tra antiche profezie, cronografi rubati e viaggiatori scomparsi, risolverà man mano tutti gli enigmi snocciolati nel corso della narrazione.

Da brava Whovian, sono una grande fan dei viaggi nel tempo.

Mi affascinano, a prescindere dalla storia in cui sono collocati; in particolar modo, mi lascio attrarre soprattutto dal come avvengono e dal cosa causano.
Peccato.
La Gier, con la sua Trilogia delle Gemme, delinea un vero e proprio meccanismo che gestisce le trasmigrazioni dei vari viaggiatori. Insomma, i dodici prescelti hanno una libertà limitata e devono obbligatoriamente viaggiare nel passato per un tot di ore al giorno, onda evitare spiacevoli salti incontrollati: in parole povere, niente allegre scorribande con il TARDIS. 
A parte questo, la storia di fondo è dannatamente buona. Originale, con un mucchio di spunti, avvenimenti apparentemente incomprensibili che trovano soluzione nei volumi successivi (stiamo o non stiamo parlando di viaggi nel tempo? Le cose non sempre avvengono nel giusto ordine!).
Mi è piaciuta l'attenzione a usi e costumi delle varie epoche e il realismo che i Guardiani cercavano di ottenere. Per la serie, se una cosa la dobbiamo fare, facciamola per bene, e che diamine!
I personaggi sono adorabili, sul serio. A parte Gideon. Sul serio, Gideon, tu no. Proprio no. Vai via. Purtroppo per te, non faccio parte del gruppo di ragazze che si impressiona non appena uno viene definito attraente. A me piacciono gli sfigatelli, ragion per cui tu mi stai altamente antipatico. Idiota.
Non temete, voi che ancora dovete leggere di lui: in Blue e Green migliora, ma in Red meriterebbe tanti calci.
Tornando al discorso personaggi, come dicevo, mi sono piaciuti praticamente tutti. Gwen è goffa ed estremamente ironica, quindi contribuisce a rendere piacevole la lettura. In alcuni punti, forse, l'ho trovata un po' passiva, ma effettivamente ci può stare data la situazione. Leslie, la migliore amica di Gwen, è un genio. Sul serio. Credo sia il mio personaggio preferito: amo il suo modo di fare, il suo essere così testarda e, soprattutto, il rapporto tra lei e Gwen. Aaaaw.
Gidon è un cretino, ma è il suo ruolo che glielo impone mento. Lo è e basta. Idiota, quindi direi di sorvolare. Un po' di problemi si hanno quando si incappa in Charlotte, la cugina perfetta, e Glenda, madre di quest'ultima: ho avuto come l'impressione che fossero state messe lì apposta per screditare Gwen ed essere antipatiche. Insomma, le ho trovate poco caratterizzate rispetto agli altri personaggi.

Lo stile di Kerstin Gier è davvero azzeccato per questo tipo di storia: descrittivo al punto giusto, scorrevole, ironico e frizzante. Di certo non ti concede attimi di noia e ti costringe a restare attaccata alle pagine fino a che non si è finito il libro.
Una pecca? Come ho già detto, è come se Red fosse più che altro un libro preparatorio alla storia vera e propria. Nonostante non ci siano momenti morti all'interno della narrazione, credo che si sarebbe potuto tagliare qualcosa e renderlo un unico libro anziché una trilogia, anche perché non c'è un salto temporale, ma i vari seguiti riprendono lì dove si è interrotto il precedente.
Questo, però, non preclude che sia una lettura piacevolissima e che la storia prenda davvero tanto!


Se non lo avete ancora letto, vi consiglio di procurarvi l'intera trilogia: una volta finito Red, sarà impossibile non morire di curiosità!
Che ne pensate, quindi? :) lo avete letto? Lo leggerete?
Ditemi un po' la vostra!



26 commenti:

  1. Ciao Mel!!! Che bella recensione! *___*
    Devo proprio leggere questa trilogia, anche se non so davvero quando. In questo momento sto letteralmente sommersa di saghe da leggere! Tra Delirium, Shatter me, Shadowhunters, La sedicesima luna e altre che in questo momento neanche mi vengono in mente... non so più cosa devo leggere prima! Help me! Il mio neurone non ce la fa, poveretto, ha bisogno di aiuto...
    Anywayyyy, 1: presto ti arriverà una mia mail! xD 2: si vede proprio che sei tornata, mi stanno arrivando le notifiche di tutte le tue risposte ai vari commenti qua e là xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dirmelo, Frannie. Le saghe stanno sommergendo anche me! :((( lo vedrai nel WWW di domani: non so proprio su cosa mettere le mani!
      Annnnnyway, aspetto la tua mail! :) e prenderò il fatto delle notifiche come un chiaro segno di gioia per il mio ritorno u_u

      Elimina
    2. Supergioia, my dear, mi sei mancata!! =*

      Elimina
    3. Scusate se mi intrometto :p esiste un modo per venir notificati quando qualcuno risponde ai commenti che lasci in post di altri blog? Illuminatemi donne v.v
      Concordo con Frannie, Mel. Si è sentita la tua mancanza ;)
      E vi comprendo fin troppo bene, sono sommersa da saghe su saghe. Povere noi XD

      Elimina
    4. Aaaaaaw, ma siete dolcissime! <3 <3
      Giò, lo ammetto: neanche io sapevo ci fosse un modo per essere notificati! D: credo sia una qualche notifica mail (?)
      Frannieeeee, illuminaci!

      Elimina
    5. *DIN DON* Frannie è desiderata nel reparto commenti, ripeto...Frannie è desiderata nel reparto commenti XD ok, basta v.v

      Elimina
    6. Eccomi, eccomiii! Come fareste senza di me? :P
      Mamma che mania di grandezza, andiamo al dunque xD

      Sì, esiste un modo per stalkerare ancora di più del normale. Sono proprio una stalker, cavolo...

      Quando si scrive il commento, oltre alle opzioni Pubblica e Anteprima sulla destra c'è scritto "Iscriviti per email". Cliccandoci su, quando vengono aggiunti commenti a quel determinato post si riceve una notifica sulla mail! ^.^

      Elimina
    7. Grazie Frannie v.v sei stata utilissima XD davvero come faremo senza di te?! Bene, ora vi posso iniziare a stalkerare *risata malefica*

      Elimina
  2. Bella recensione! Anche a me era piaciuto molto questo libro ^^ Nonostante lo stile semplice (e a volte un pochino infantile) mi ero goduta la lettura della storia come non facevo da anni.
    E comunque, concordo con la tua antipatia per quel somaro del protagonista maschile; nel primo libro soprattutto, era davvero insopportabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, in alcuni punti è un po' infantile come stile! Ho trovato questo problema soprattutto in Green :P
      Gideon. Altro che comprensione e gentilezza: gli avrei dato il cronografo in testa!

      Elimina
  3. Ho adorato questa trilogia!
    Ho dei bei ricordi con Red Blue e Green

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella davvero! :) mi ha preso proprio tanto!

      Elimina
  4. Ho iniziato questo libro due o tre volte, ma non riesco proprio ad andare avanti! Eppure non smetto di leggere recensioni positive. Comunque non sono un tipo da giudicare un libro dopo un paio di pagine, sto soltanto aspettando il momento giusto per continuare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, arriverà anche il suo momento :) è proprio una bella trilogia!

      Elimina
  5. Amo le copertina, mi ispira la storia e non vedo l'ora di avere questa trilogia tra le mani *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AAAAAH, LE COPERTINE!
      Ho dimenticato di menzionarle nella recensione, ma parlano da sé: sono meravigliose!

      Elimina
  6. Ho letto solo questo, della trilogia, ma per quanto sia scritto bene e abbia degli spunti interessanti l'ho trovato troppo inconcludente per apprezzarlo del tutto :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad essere inconcludente, lo è: praticamente spiana la strada a quel che verrà dopo!
      Mi spiace che non ti sia piaciuto :(

      Elimina
  7. Visto che la prima volta me l'ha cancellato, ci riprovo -.-
    Oh Mel, Mel! Ok, mi hai convinto v.v vedevo in giro questa saga da tanto tempo ma non mi ero mai convinta, ma in mio soccorso è arrivata la tua bellissima recensione (sì, lo so mi piacciono sempre tutte).
    Non so come farò a rimanere a galla con tutte le saghe che mi sommergono, tra quelle che devono continuare e quelle che devo iniziare. Mi ci vorrà il supporto di chi mi comprende XD anyway, non so quando ma prima o poi leggerò anche la Trilogia delle Gemme. E' una promessa la mia XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha Giò, hai il mio assoluto supporto! Dai, ce la faremo a leggere le montagne di libri che ci mancano!
      ...sarebbe tutto più semplice se mandassi a quel paese l'università e mi dedicassi unicamente a questo! T.T

      Elimina
    2. Già l'università T_T mi viene da piangere se penso agli esami che mi aspettano! Che facoltà frequenti?
      Non posso passare il resto della mia vita a leggere, ascoltare musica e al massimo a scrivere? Uff uff, zero voglia di studiare :(

      Elimina
    3. Editoria e Pubblicistica. Di solito adoro il mio corso di laurea, ma a settembre mi viene voglia di lanciare i libri dalla finestra ç_ç

      Elimina
    4. Io Scienze della Comunicazione, sì ti capisco T_T

      Elimina
  8. Eccomi qui! Da brava seguace ho seguito i vostri consigli e ieri mi sono immersa nella lettura di questo primo capitolo. Quoto ogni singola parola. Ho adorato Leslie e Gwendolyn, e le loro continue citazioni sui film *-*, ho adorato James e la prozia Maddy <3
    Gideon devo ancora inquadrarlo bene...mi puzza! Non mi è piaciuto che sia saltati subito dal "sei una palla al piede" al "sei speciale"...ma tralasciando questo, tanto tanto amore per l'ambientazione londinese, i viaggi nel tempo e i segreti da svelare.
    Mi butto subito su Blue!
    Qua nesquik mosquitos!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *___* mi fa davvero piacere che ti sia piaciuto!
      Anche io concordo esattamente con tutto quello che hai detto, soprattutto per l'ambientazione londinese :3
      Fammi sapere cosa pensi di Blue!

      Elimina
  9. Ho praticamente AMATO questa trilogia! Anche io divorata in tre-quattro giorni!
    Anche il nuovo libro della Gier, Silver, merita!

    RispondiElimina